--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Rottura Sodalizio - Comune - Il presidente Mecarini smentisce Insogna: "Le loro parole non le dimenticheremo, il sindaco non c'entra" - Nuova Macchina: prova traliccio sul percorso

“La colpa è dei consiglieri, quanto hanno detto è incancellabile”

di Giuseppe Ferlicca

Teverina-Buskers-560x60-sett-19

Condividi la notizia:

Massimo Mecarini

Massimo Mecarini 

Michelini all'assemblea del Sodalizio facchini santa Rosa

Michelini all’assemblea del Sodalizio dei facchini di santa Rosa 

Sergio Insogna

Sergio Insogna 

Viterbo – “Questa gente non ha ancora capito che la rottura con il comune c’è stata per quello che i consiglieri, a cominciare da Insogna, hanno detto sui facchini”.

Frattura fra palazzo dei Priori e Sodalizio dei facchini di santa Rosa: Sergio Insogna in consiglio comunale attacca il sindaco Michelini. Doveva essere lui a chiedere scusa.

Colpa sua se i facchini hanno rotto ogni rapporto con palazzo dei Priori. Aveva promesso d’inserire un rappresentante nella commissione giudicante. Promessa poi rimangiata. Non certo per alcune affermazioni da parte dello stesso Insogna e dei colleghi Tofani e Serra.

Solo che i diretti interessati, i facchini del Sodalizio, attraverso il presidente Massimo Mecarini, smentiscono categoricamente la versione del consigliere Insogna.
“La rottura non è avvenuta – precisa Mecarini – perché il Sodalizio non è stato inserito in commissione”.

Per cosa allora?
“Per le frasi pronunciate dai consiglieri comunali nei nostri confronti. E’ per loro, e se la devono prendere solo con se stessi e non con il sindaco Michelini, che ha avuto le palle d’intervenire in assemblea”.

Insogna in consiglio ha puntato il dito invece contro il sindaco. Come stanno le cose?
“Insogna non ha capito niente. Chi è causa del suo mal pianga se stesso. Sia chiaro. I problemi sono stati altri. Non certo la commissione per la Macchina di santa Rosa. La rottura è avvenuta a seguito delle loro parole. Dette pubblicamente e non ce le dimenticheremo. Le frasi pronunciate da Insogna, Serra e gli altri”.

Eppure Insogna sostiene di non avercela con il Sodalizio.
“Non ce l’hanno con noi? Ce l’hanno eccome. Lo hanno dimostrato chiaramente. Serra riprende il sindaco Michelini per le frasi dette all’assemblea del Sodalizio. Ma è stato lui il primo a parlare contro i Facchini e non una volta sola. Abbiamo apprezzato il sindaco che è venuto a parlarci, ma la posizione nostra è quella. Ciò che hanno detto è incancellabile”.

Nessuna possibilità di ripensamento?
“Non ci lasciamo incantare. Inutile che vadano dicendo di non avercela con noi. E’ vero l’esatto contrario. Del comportamento tenuto dai consiglieri che hanno parlato, i Facchini se ne ricorderanno al momento opportuno”.

Avete invitato voi il sindaco Michelini all’assemblea?
“No. Ha chiesto lui stesso di partecipare. Non lo abbiamo invitato perché noi non invitiamo nessuno ce lo ha chiesto”.

Gesto apprezzato?
“E’ venuto in un posto dove sapeva che sarebbe stato messo sulla graticola. E’ stato accolto con freddezza, ma i facchini hanno apprezzato molto il suo intervento”.

Sul mancato inserimento di un componente del Sodalizio nella commissione che ha scelto Gloria, spiegazione soddisfacente?
“Ha sostenuto che non potevamo essere inseriti nella commissione. Una scelta non condivisibile, ma plausibile. La procedura scelta era quella e va bene. Mi sento di difenderlo. In assemblea, in quella circostanza non era facile”.

Sergio Insogna ha anticipato in consiglio comunale d’essere pronto a partecipare anche lui a un’assemblea del Sodalizio. Appuntamento alla prossima?
“Se voleva intervenire poteva chiederlo come ha fatto il sindaco. La prossima assemblea ci sarà a ottobre e per l’epoca, non so se sarà ancora necessario. Insogna e gli altri ci potevano pensare prima. Già il sindaco Michelini è venuto in ritardo, nonostante abbiamo apprezzato il gesto”.

La presidente del consiglio Maria Rita De Alexandris è stata attaccata perché da consigliera ha proposto un emendamento per inserire nella commissione della Macchina un rappresentante del Sodalizio. Cosa ne pensa?
“Serra le ha detto che era un gesto per lisciare il pelo a qualcuno. E’ inqualificabile come presa di posizione. Anche perché noi non ci facciamo incantare da nessuno. La consigliera De Alexandris con la sua iniziativa ha semplicemente dimostrato attaccamento ai Facchini di santa Rosa. La sua posizione è il segno netto di una vicinanza alla festa, al trasporto, alla nostra tradizione. Cosa che Insogna, Serra, Tofani e gli altri non hanno fatto. Con De Alexandris, come del resto con l’assessore Barelli abbiamo un ottimo rapporto, così come apprezziamo il gesto del sindaco Michelini. Tutti gli altri, inutile che tentino di fare il salto della quaglia. Quello che hanno detto resta agli atti. Resta eccome”.

Insogna ha lamentato di non avere potuto prendere parte alla conferenza di presentazione per il triangolare di basket cui il Sodalizio ha partecipato.
“Come fa lui che ci ha sputato addosso a pretendere di voler stare allo stesso tavolo? O lui o noi. Così è stato e così sarà pure in futuro. Allo stesso tavolo noi non ci sediamo”.

Come mai avete riconsegnato il premio Faul? Insogna sostiene che quello era un riconoscimento che attraverso il sindaco vi aveva attribuito la città.
“L’idea del premio è nata da lui e a lui l’abbiamo ridato. E’ un gesto nei suoi confronti, visto che ne è il promotore. Niente di più”.

Per chiudere, cambiamo argomento. Il 3 settembre sarà la prima volta di Gloria, Fiorillo si è aggiudicato l’appalto per trasporto e costruzione. Novità in vista?
“Chiederemo al costruttore d’effettuare la prova traliccio lungo il percorso della Macchina di santa Rosa. Non ha senso fare la prova in un posto diverso”.

Come avete accolto la vittoria di Fiorillo?
“Siamo molto contenti. E’ una garanzia di serietà, competenza e professionalità, lealtà e amicizia”.

Giuseppe Ferlicca


Articoli: Sergio Insogna: “Lei ha causato la rottura col Sodalizio e lei chieda scusa”Una coglionata di troppo… – Leonardo Michelini: Quei quattro consiglieri hanno detto una coglionata… 


Condividi la notizia:
18 aprile, 2015

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR