--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Politica - Interviene la vicesegretaria dell'unione comunale

Minchella (Pd): “Dissensi legittimi, ma sostegno al sindaco non in discussione”

Condividi la notizia:

Viterbo - Il consiglio comunale - Martina Minchella

Viterbo – Il consiglio comunale – Martina Minchella 

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – Dopo aver letto alcune dichiarazioni sulla stampa non posso esimermi dal fare una considerazione, la decisione presa a larga maggioranza, da più del 75 per cento, da un organismo del Pd, eletto democraticamente dal congresso, non è la decisione di una parte o la decisione di pochi, rappresenta la decisione del Partito Democratico, si rispettano le minoranze, come giusto che sia, ma non può più esserci la “dittatura della minoranza” su quelle che sono le questioni politiche e amministrative.

La decisione presa all’interno del Pd è una decisione seria, che vuole spiegare che i dissensi amministrativi e la dialettica all’interno dell’amministrazione sono legittime, ma che non è in discussione il sostegno al sindaco e alla maggioranza di governo di palazzo dei Priori, questo il senso della decisione presa ieri all’interno dell’assemblea del Pd.

Assemblea che si è espressa anche in merito alla verifica di maggioranza e che ha licenziato la proposta di riduzione degli assessori da nove a sette. Meno assessori, ma che lavorino a tempo pieno, questo comporterà un risparmio e allo stesso tempo risultati maggiori. Assessori, inoltre, che devono provenire dai banchi del consiglio poiché è terminata la stagione degli esterni che non ha condotto ai risultati sperati, come anche il capogruppo ha più volte sottolineato.

A breve ci sarà l’approvazione del bilancio, tema su cui il partito si è già espresso, dando un mandato unanime all’assessore competente, sarà quello il banco di prova per vedere se c’è chi gioca all’instabilità dell’amministrazione o chi ha a cuore il bene della città, utilizzando la saggezza richiamata da alcuni colleghi in questi giorni, chiaro è che chi influisce con decisioni personalistiche sull’attività amministrativa dovrà prendersi le proprie responsabilità, ponendosi fuori da quelle che sono le decisioni del Pd.

Il partito democratico continua a sostenere convintamente, anche alla luce del documento approvato ieri, l’amministrazione per raggiungere gli obiettivi che ci siamo posti, sottolineo però che, come il sindaco Michelini e il Pd hanno detto più volte, l’amministrazione non continuerà a qualunque costo; a questo proposito mi permetto di suggerire al sindaco di tenere a mente le parole del premier Renzi di qualche giorno fa nei confronti del Parlamento: “Se vuole mi mandi a casa, io avanti senza paura”.

Martina Minchella
Vicesegretario Unione comunale Pd


Condividi la notizia:
12 maggio, 2015

Crisi in comune 2015 ... Gli articoli

  1. Sono otto, lavorano per nove, saranno pagati per sette
  2. "Subito al lavoro, ci sono situazioni in arretrato"
  3. "Era l'ultima verifica? Mai dire mai..."
  4. Perà a Sviluppo economico e affari amministrativi
  5. "Taborri sarebbe un presidente di garanzia"
  6. "Evitino un teatrino anche per l’elezione del presidente del consiglio"
  7. Sonia Perà allo Sviluppo economico
  8. "Esco, vado all'opposizione"
  9. "Continuano i giochi di prestigio del sindaco Michelini"
  10. Giunta, l'ottavo assessore sarà una donna
  11. Giunta, si chiude a otto
  12. "Una soluzione tra oggi e domani"
  13. Giunta a sette solo se cambia il vice sindaco
  14. "In due anni non mi aspettavo questo disastro"
  15. "Se un assessore non firma, si va avanti in sei"
  16. "Il comune non può cadere per una questione di poltrone..."
  17. "Se c'è un nuovo gruppo che venga formalizzato…"
  18. L'uragano Michelini si abbatte sulla maggioranza
  19. "La presidenza ora non m'interessa"
  20. De Alexandris si è dimessa
  21. Alessandra Troncarelli non entra in giunta
  22. "Giunta a sette senza alternative, o mi dimetto"
  23. Giunta prendere o lasciare, maggioranza spaccata
  24. "Faccio una scelta di responsabilità"
  25. Varata la giunta a sette
  26. Zucchi si è ufficialmente dimessa
  27. De Alexandris verso le dimissioni
  28. "No a un presidente del consiglio Pd"
  29. Insogna e Moltoni da Michelini
  30. Balla anche la presidenza del consiglio
  31. “Sarà una giunta a sette”
  32. "Michelini pensa d'essere al bar dello sport"
  33. "Michelini pensa d'essere al bar dello sport"
  34. I Democratici sette alla corte di Michelini
  35. "Ascolterò i consiglieri e poi chiuderò la partita"
  36. Giunta a sette e presidenza al Pd
  37. "Michelini faccia lui il sindaco e lo faccia bene..."
  38. "Una scelta consapevole per tutelare la propria dignità"
  39. Michelini vedrà Insogna...
  40. Si è dimessa anche Raffaella Valeri
  41. "La giunta Michelini ha bisogno di una ripartenza"
  42. Giunta a sei, ma anche a sette, otto o nove assessori
  43. Il rimpasto? Dopo santa Rosa...
  44. Il Pd ribadisce: giunta a 7 e ora tocca a Serra
  45. "Ma il sindaco sa contare?"
  46. Oggi tocca al Pd, ma Serra andrà da solo
  47. Tre assessorati alle liste civiche
  48. Surreale che un organo di partito censuri un consigliere...
  49. "Non stiamo navigando a vista"
  50. "Imbarazzanti le affermazioni di Serra..."
  51. "Se non sa gestire la crisi, figuriamoci la città"
  52. "Con i 7 del Pd ci siamo anche noi"
  53. "Perché Serra fino a dieci giorni fa condivideva Michelini?"
  54. "Città devastata per le faide tra Fioroni e Panunzi"
  55. Subito il bilancio consuntivo o tutti a casa
  56. "Comune senza obiettivi, si vive alla giornata"
  57. "Con quale diritto Sel chiede le mie dimissioni?"
  58. Verifica, Michelini prende tempo
  59. Cartellino rosso per Taborri
  60. Michelini o fa sette o sballa
  61. Boco: "Abbiamo peccato di presunzione, ritorniamo all'ordine"
  62. "Decidiamo insieme dove vogliamo andare e perché"
  63. "Ci vuole coraggio, Serra faccia l'assessore"
  64. La situazione è grave ma non è seria
  65. "Siamo in maggioranza, se vogliono andare altrove facciano pure"
  66. Ncd scomunica Taborri
  67. "Serra, un improbabile pubblico ministero"
  68. "Non vado bene? Sfiduciatemi"
  69. Moricoli: "Non mi dimetto..."
  70. Sel a Paolo Moricoli: dimettiti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR