--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Bologna - Aperto un fascicolo per omicidio colposo e disastro colposo a carico di ignoti - Identificata la vittima, Andrea Anzolin, 42 anni, vicentino

Inferno in tangenziale: “Abbiamo pensato a un attentato”

Condividi la notizia:

Bologna - Tir esplode sul raccordo

Bologna – Tir esplode sul raccordo

Bologna - Tir esplode sul raccordo

Bologna – Tir esplode sul raccordo

Bologna - Tir esplode sul raccordo

Bologna – Tir esplode sul raccordo

Bologna - Cisterna esplode in tangenziale

Bologna – Autocisterna esplode in tangenziale

Bologna - Cisterna esplode in tangenziale

Bologna – Autocisterna esplode in tangenziale

Bologna -“Non ho pensato a un incidente, avevo pensato ad un attentato”. E’ una delle tante drammatiche testimonianze dell’incidente avvenuto nel primo pomeriggio di ieri sulla tangenziale di Bologna. 

Un tir, che trasportava nell’autocisterna materiale infiammabile, ha tamponato un camion che lo precedeva sul raccordo autostradale, all’altezza di Borgo Panigale, vicinissimo alla città. I due mezzi si sono immediatamente incendiati e sono esplosi.

Il giorno dopo l’incidente sulla A14, con un’autocisterna esplosa nel raccordo autostradale all’altezza di Borgo Panigale dopo un tamponamento, i feriti sono una settantina. Una la vittima, l’autista dell’autocisterna, un professionista esperto, identificato questa mattina.

E’ Andrea Anzolin, 42 anni, vicentino. Lavorava per un’impresa di commercio e distribuzione di carburante della provincia di Vicenza ed era un autista esperto, che da molti anni guidava mezzi che trasportano materiale infiammabile.

I quattro ustionati con lesioni più gravi sono stati trasferiti ai centri specializzati di Parma e Cesena.

Sullo schianto indaga la procura della repubblica di Bologna, che ha aperto un fascicolo per omicidio colposo e disastro colposo a carico di ignoti. Un atto dovuto al fine di poter procedere con le indagini ed accertare l’esatta dinamica dell’incidente.

Ancora sconosciuto il motivo del mancato tentativo di frenata – nel filmato appare chiaro che l’automezzo che ha provocato l’incidente non ha mai arrestato o tentato di arrestare la sua corsa – che potrebbe essere dovuto ad una distrazione o ad un malore dell’autista.

Il forte impatto ha provocato dapprima l’incendio dei due mezzi pesanti e in seguito la violentissima esplosione a Bologna il cui boato ha fatto scoppiare i vetri delle finestre di alcune abitazioni della zona ed ha provocato il parziale collasso del ponte dell’autostrada situato sopra la via Emilia di Borgo Panigale e che attraversa via Marco Emilio Lepido.

Sono esplose una dopo l’altra le auto di due concessionarie che si trovano sotto il ponte e sono scoppiati i vetri di alcune case vicine.

Il premier Giuseppe Conte è arrivato a Cesena, all’ospedale dove sono ricoverati i feriti più gravi. 

Il premier ha incontrato un poliziotto di 31 anni, rimasto ustionato durante i soccorsi, e un ragazzo bulgaro 17enne.

Poi il presidente del consiglio – sorvolato con un elicottero il punto dell’incidente – andrà al Maggiore a portare la vicinanza di tutto il governo agli altri feriti e ai loro familiari.

L’aula del senato ha osservato un minuto di silenzio per le vittime dell’incendio di Bologna.


Articoli: “Un macello, persone bruciate e cadute a terra” – Esplode autocisterna in tangenziale, chiusa la A14


Ripercussioni sulla viabilità e percorsi alternativi 

Autostrade per l’Italia informa che è chiuso il tratto sul raccordo di Casalecchio, tra Bologna Casalecchio ed il bivio con la A14 Bologna-Taranto in entrambe le direzioni.

Per lo stesso motivo è stato chiuso il tratto sulla Tangenziale di Bologna, tra lo svincolo n° 2 Borgo Panigale e lo svincolo n° 3 Ramo Verde in entrambe le direzioni.

Chi proviene da Firenze ed è diretto verso Ancona o Padova, deve uscire a Bologna Casalecchio percorrere la tangenziale di Bologna e in corrispondenza dell’uscita n° 2 Borgo Panigale, proseguire lungo la via Emilia in direzione di Milano, per poi entrare in A14 alla stazione di Bologna Borgo Panigale.

Chi da Padova e Ancona è diretto verso Firenze può uscire a Bologna Borgo Panigale, e tramite la Via Emilia in direzione Bologna prendere la tangenziale all’altezza dell’entrata n° 2 da cui proseguire in direzione Casalecchio per poi raggiungere la A1 in direzione di Firenze.

Nessun disagio per chi da Milano è diretto in A14 Bologna-Taranto verso Rimini/Ancona e viceversa.


Video: Il tamponamento, l’incendio e la tremenda esplosione del tir – Il drammatico racconto dei testimoni



Condividi la notizia:
7 agosto, 2018

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR