Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Nepi - Claudia Centaroli, compagna per 20 anni di Fabrini di fede Hare Krishna, l’uomo morto a Ronciglione, la notte del 13 ottobre in un incidente stradale - Ieri la festa in sua memoria - FOTO E VIDEO

“Ho passato con Paco un pezzo di vita bellissimo…”

di Daniele Camilli
Condividi la notizia:


Nepi – “Paco è stato un pezzo di vita, bellissimo, insieme”. Sono parole di Claudia Centaroli, compagna per 20 anni di Paco Fabrini, l’uomo morto a 46 anni. A Ronciglione, la notte del 13 ottobre in un incidente stradale.

Ieri mattina, a Villa Govinda Madhava, lungo la strada che porta a Calcata, tuttavia parte ancora del comune di Nepi, una festa in suo onore. Organizzata da Claudia, così come Paco avrebbe voluto. Insieme, alla sua famiglia. Amici, compagni di vita, chi l’ha conosciuto. Amandone “la sincerità”, come è stato detto dal palco allestito nel giardino affacciato sulla valle del Treja.


Nepi - La festa in onore di Paco Fabrini

Nepi – La festa in onore di Paco Fabrini


“Paco suonava tutto il giorno – racconta Claudia Centaroli -. Abbiamo fatto un cerchio, abbiamo danzato e cantato. Per lui. Per Paco. Ho trovato la forza per fare tutto questo”.

Paco Fabrini è stato tamponato da un’auto mentre, in sella al suo scarabeo, andava dalla circonvallazione di Ronciglione alla strada che porta verso il lago. Lo schianto è avvenuto tra viale della Resistenza e viale San Francesco d’Assisi, in località Casalino. La macchina che lo ha investito non si sarebbe fermata a prestare soccorso. Il conducente si è presentato in caserma dai carabinieri la mattina successiva. Per Fabrini non ci sarebbe stato comunque nulla da fare. E’ morto sul colpo.


Nepi - Claudia Centaroli

Nepi – Claudia Centaroli


Paco era un Hare Krishna, ma non soltanto questo. “Paco era tutto – dice Claudia Centaroli -. Un ricercatore della verità. Innanzitutto. Uno scrittore che ha documentato tutti i nostri viaggi. E non mi chiamava mai con lo stesso nome. Mi dava sempre dei nomignoli”. Paco era anche un musicista, un autore di canzoni che, ieri, sono state ascoltate. Per esserlo ancora, nuovamente, più avanti. Una voce che racconta il suo personalissimo cosmo, come quelli di altri che durante la festa in suo onore si sono intrecciati. Una sinergia d’intenti e volontà.


Nepi - La festa in onore di Paco Fabrini

Nepi – La festa in onore di Paco Fabrini


Paco, da bambino, è stato un attore, al fianco di Tomas Milian, scomparso anch’esso un paio d’anni fa. Attore poliedrico, Milian, passato dall’Avana a Cuba, dove era nato, a Miami negli Stati Uniti, infine in Italia. Da Scorsese a Visconti, ad Antonioni. Fino all’ispettore Giraldi. Poliedrico come Paco Fabrini. E, forse, per questo, magari, si sono incontrati, facendo un tratto di strada insieme.


Nepi - La festa in onore di Paco Fabrini

Nepi – La festa in onore di Paco Fabrini


Una festa, quella di ieri, baciata dal sole, con i bambini attorno a giocare. Chi si arrampicava sulle sedie, chi faceva capannello da un lato, chi invece giocava a pallone o si rifugiava, stanco, sotto al grande salice piangente di fronte alla casa. Insieme. Un’unica energia che musica e strumenti hanno accompagnato ritmandola. Come i battiti dl cuore. Accogliendoti che se, anche tu, nonostante fossi inatteso, ne facessi comunque sia parte. 


Nepi - La festa in onore di Paco Fabrini

Nepi – La festa in onore di Paco Fabrini


“Paco – ha detto Claudia dal palco – non ha mai voluto lavorare”. Frase scomoda, in questi tempi dove la fatica ha sostituito la meraviglia. Dove il lavoro ha schiacciato ogni stupore. Non voler lavorare significa infatti questo. Significa solo, se solo fosse possibile, non accettare che la propria vita sia disumanizzata e ridotta a merce. Quella di Paco non era una volontà, ma un vero e proprio rifiuto. Il rifiuto di un lavoro inteso come oppressione e sfruttamento. Un altro mondo, possibile, che Paco ha vissuto. E l’ha vissuto come un imperativo. Categorico.


Nepi - La festa in onore di Paco Fabrini

Nepi – La festa in onore di Paco Fabrini


“Una festa come l’avrebbe voluta Paco – stava scritto sull’invito fatto girare su Facebook – ricca di musica, poesia e video. Un momento di condivisione. Paco è sempre stata un’anima felice e leggera e questo è lo spirito con cui lo vogliamo celebrare”.


Nepi - La festa in onore di Paco Fabrini

Nepi – La festa in onore di Paco Fabrini


Lì, accanto al palco, un piccolo altare. Con la foto di Fabrini e le offerte che di volta in volta lasciavano gli amici. Con amore. Il tratto che ha distinto, agli occhi, ognuno di loro. Attorno alla chitarra appoggiata all’altare, una sciarpa della Roma.

“Sono così diversi da me – scrive Beppe Fenoglio in un passo del romanzo Il partigiano Johnny -, ma hanno combattuto con me. E io sono uno di loro. Bello come loro se sono belli, brutto come loro se brutti. Pronto a combattere altre battaglia. Anche se dopo averne combattuta una, ti verrebbe voglia di dire ‘mai più’. E ‘ancora’”. 


Nepi - La festa in onore di Paco Fabrini

Nepi – La festa in onore di Paco Fabrini


“Abbiamo una famiglia che ci si è stretta attorno – ha detto ancora Claudia -. Una grande famiglia che mi ha sostenuta, come Paco è stato amato. L’abbiamo salutato. Come avrebbe voluto”.

Daniele Camilli


Multimedia – Fotogallery: La festa in memoria di Paco – Video: Il ricordo di Claudia Centaroli

Articoli: Paco Fabrini poteva essere salvato? – Il fratello di Paco Fabrini: “Sei il mio sole, saluta papà” – Il primo soccorritore: “Il cuore di Paco batteva e lui respirava quando sono arrivato, è morto mentre ero al suo fianco…” – “Ho avuto un incidente nella notte”, e i carabinieri gli dicono che ha ucciso un uomo… – Un’anima colorata e pulita che amava viaggiare… – Paco Fabrini aveva recitato con Tomas Milian – Auto contro scooter, muore centauro – L’intervista video a Paco Fabrini nel 2011: Gli stornelli, la chitarra e l’amore per Roma


Condividi la notizia:
20 ottobre, 2019

Reportage 4 ... Gli articoli

  1. "Chemical city, la conservazione dei materiali era compromessa già nel 1963..."
  2. "Chemical city, trovato ordigno bellico nell'area militare del lago di Vico"
  3. "Vogliamo sapere la verità sulla Chemical city del lago di Vico"
  4. Chemical city, centinaia di documenti militari bruciati e altri buttati in giro per tutta l'area
  5. Calci, sputi e sgabellate, la vita del poliziotto nel carcere di Mammagialla...
  6. "Gli orari della ferrovia Roma nord stanno distruggendo l'istituto agrario"
  7. Il comune si schiera contro il consumo di suolo e il fotovoltaico a terra
  8. Discarica di Cinelli, adesso c'è pure un lago d'acqua con auto e roulotte abbandonate
  9. Chemical city, tubature da cui esce liquido nero e carotaggi lasciati sul terreno
  10. “Un tavolo contro il caporalato e lo sfruttamento dei braccianti”
  11. "Non ha solo la bellezza, ma anche il carattere..."
  12. "Di Veroli Letizia e Di Veroli Anna non hanno espresso lamentele, soltanto aspirano alla libertà... "
  13. "Lo sterminio degli omosessuali è sempre stato un olocausto di serie B"
  14. "Una splendida pagina di dignità culturale..."
  15. "Sotto piazza San Lorenzo ci sono cunicoli, sepolture e... una cripta"
  16. "Se mia figlia sposasse uno come lui io sarei il padre più felice della terra"
  17. Farnese pneumatici, il tribunale ha respinto la richiesta di concordato... si va verso il fallimento?
  18. Il Lazio è la regione con il più alto quantitativo di rifiuti radioattivi a livello nazionale
  19. "La scuola italiana è ancora una scuola di classe"
  20. "Natale, quest'anno la gente è meno della metà..."
  21. "La religione è una forza per costruire la pace"
  22. "Cotral, Cotral... vaffanculo!"
  23. Degrado, una piccola discarica e plastica andata a fuoco... lo stato di salute dell'ex Ospedale grande degli infermi
  24. Don Franco, il prete che ha fatto il "miracolo" in Senegal...
  25. Un po' romana, un po' maremmana... e pure un po' toscana
  26. "Serve un ripensamento del sistema di trasporto per garantire agli universitari di poter studiare"
  27. A Pianoscarano la casa presepe delle mille e una notte...
  28. "Trasporti pubblici gratuiti per accompagnare i braccianti al lavoro"
  29. "Gli artigiani sono il Quarto stato della Tuscia..."
  30. "I sacrifici sono stati tanti, ringrazio i miei genitori con tutto il cuore..."
  31. "Un sistema di trasporti efficace è condizione indispensabile per garantire il diritto allo studio"
  32. Bonus facciate, l'occasione giusta per rilanciare e dare un nuovo volto al centro storico
  33. "Villanova, una chiesa della gente e per la gente..."
  34. "Per migliorare i trasporti serve un'agenzia unica per la mobilità"
  35. La rivoluzione del 5G, sperimentazione e protagonisti
  36. "Abbiamo fatto rinascere via dei Magazzini... con olio di gomito e candeggina"
  37. Concorso per la polizia locale, ecco come sono andate le cose...
  38. "Trasporti nella Tuscia, a rischio il diritto allo studio e al lavoro..."
  39. Arriva la carta dei suoli del Lazio: "Fondamentale per conoscere il territorio"
  40. Discariche, voragini e prostituzione sulla Tuscanese
  41. Espropri per il fotovoltaico, coinvolti più di cinquanta proprietari di terreni
  42. "Foro Cassio, il proprietario del terreno deve rimettere in sicurezza la strada"
  43. Pareti che crollano, strade che fanno schifo e un sito archeologico abbandonato... benevenuti a Foro Cassio
  44. "Mille chilometri sulla Francigena... con una gamba e due stampelle"
  45. Venti quintali di lana e Radio radicale per cacciare i lupi la notte...
  46. Al giardino di Ponte dell'Elce... la prima sex symbol della Tuscia
  47. La Regione Lazio si schiera contro l'impianto geotermico di Castel Giorgio
  48. "Le forze dell'ordine sono come pit bull drogati mandati in strada a combattere..."
  49. Lago di Bolsena, la rivolta delle lenzuola contro il geotermico
  50. "Ho vissuto più di dieci vite da Berlusconi..."
  51. "In Cile stiamo facendo una rivoluzione..."
  52. "Tuscia, in agricoltura si muore anche per non spendere cento euro..."
  53. "Ce l'abbiamo fatta, lunedì riaprirà strada Acquabianca"
  54. "Teresa ha insegnato a tutti il senso profondo del vivere"
  55. "La gente è costretta a fare altre strade e gli incassi sono crollati"
  56. "Abbiamo visto il ragazzo a terra in fin di vita, ci siamo fermati e abbiamo fatto di tutto per salvarlo..."

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR