Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Il sindaco Arena non cede sul weekend, apre a eventuali cambiamenti per il venerdì e a uno slittamento all'estate - A giorni l'incontro con i commercianti

“Ztl, dal primo luglio si chiude”

Condividi la notizia:

Viterbo - Il varco di via Chigi

Viterbo – Il varco di via Chigi

Viterbo – Sulla zona a traffico limitato in centro storico, il sindaco è irremovibile, almeno per quanto riguarda il weekend. “L’obiettivo è quello. Sulla chiusura nel fine settimana non si discute”, dice Giovanni Arena, che aspetta di ricevere i commercianti e sentire le loro ragioni. 

L’incontro si terrà, forse, entro la prossima settimana. “Io li capisco – afferma il sindaco -. Dicono che sono stato troppo precipitoso, vista anche l’emergenza Coronavirus che ha determinato per loro un lungo periodo di chiusura. Recriminano il fatto che altre città le abbiano sospese. Ma il provvedimento non sarebbe in ogni caso immediato”. 

Servono tempi tecnici per realizzare i nuovi cartelli di preavviso: una ventina di giorni almeno per la segnaletica verticale che va messa sui nove varchi. Ieri, la comunicazione ufficiale dal comune che, proprio per questo, ha disattivato la ztl fino al 30 giugno, in attesa dell’entrata in vigore dei nuovi orari. 

La notizia delle modifiche era arrivata giorni fa, con un una nota del comune che informava della delibera di giunta con le variazioni: nuovi orari dal 29 maggio, si leggeva. Da lì, la levata di scudi dei ristoratori di via San Lorenzo e dintorni, già provati dal lockdown. Alcuni hanno deciso di rimanere chiusi per protesta. 

Il sindaco non arretra. “Ci incontreremo e parleremo. Capisco che il lockdown è stato un danno e capisco l’esigenza di recuperare. Vediamo se ci si può accordare, per esempio sul venerdì a pranzo, o su una partenza non immediata. Se serve un rinvio a causa dell’emergenza, posso capirlo. Ma l’obiettivo è far partire la ztl con i nuovi orari al più tardi dal primo luglio e sul sabato e la domenica, dalle 10,30 alle 6 del mattino, non si discute. Io dal primo luglio vorrei la chiusura totale”.

Commercianti e ristoratori ritengono che sarebbe un massacro per loro, dal momento che, per ora, non c’è molta gente in giro, men che meno turisti. Ma Arena replica: “Chi l’ha detto? Ho fatto un giro nei luoghi della movida venerdì e sabato ed era pieno, non c’era un posto a sedere”.

Per il primo cittadino è un problema culturale: “Capirei se non ci fossero i parcheggi – dichiara Arena – ma abbiamo il Sacrario che è sempre vuoto, Valle Faul, a breve anche il nuovo parcheggio fuori la porta. C’è l’ascensore che in un attimo ti porta in centro storico. La gente dovrebbe abituarsi a parcheggiare al Sacrario. Sono pochi metri a piedi. A Perugia, allora, come fanno? È tutto chiuso. Mi ricordo, nel ’69, quand’ero matricola e studiavo lì, le proteste dei commercianti: è bastato un anno per metabolizzare il cambiamento. Ora è impensabile fare a meno della ztl. E anche da noi dovrebbe essere così”. 


Articoli: Centro storico, ztl disattivata fino al 30 giugno – “Ztl, presto una riunione coi commercianti per un provvedimento condiviso” – “Fare le barricate mi pare eccessivo, il provvedimento resta” di Giuseppe Ferlicca – “La delibera sulla ztl non ha senso, il prefetto valuti profili di illegittimità” – “Ztl, un provvedimento devastante noi chiudiamo” – Ztl centro storico, cambiano gli orari


Condividi la notizia:
31 maggio, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR