Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Montefiascone - I consiglieri comunali Cicoria, Cimarello, Moscetti e De Santis dopo la delibera dell'ente anticorruzione

“Concorso polizia locale, anche per l’Anac gli elaborati scritti dovevano essere anonimi”

Condividi la notizia:

Rosita Cicoria

Rosita Cicoria

Montefiascone - Polizia locale

Montefiascone – Polizia locale

Montefiascone – Riceviamo e pubblichiamo – Facciamo un po’ di chiarezza in merito alla selezione pubblica per l’assunzione di quattro agenti di polizia locale a tempo determinato part time, che si è svolta a Montefiascone nel settembre 2019 per cui, come consiglieri comunali, abbiamo presentato una segnalazione di anomalie all’Anac.

Sugli elaborati a risposta multipla della selezione infatti, fu richiesto ai candidati di apporre nome, cognome e firma, in violazione del principio dell’anonimato.

Con delibera di luglio 2020, l’Anac ha risposto alla nostra richiesta sottolineando che:

– Ogni ente deve introdurre un’apposita regolamentazione dello svolgimento delle procedure, con particolare attenzione all’applicabilità della regola dell’anonimato;

– Sottolinea altresì che la regola dell’anonimato degli elaborati delle prove scritte, costituisce il diretto portato dei principi costituzionali di uguaglianza, buon andamento e imparzialità dell’azione amministrativa, garantendo par condicio tra i candidati.

– L’Anac raccomanda pertanto, al comune di Montefiascone, di provvedere all’integrazione del Pptct al fine di predisporre misure più stringenti di quelle attualmente in vigore, con particolare attenzione all’assoluta necessità di mantenere l’anonimato degli elaborati concernenti le prove scritte e di informarla all’esito delle valutazioni svolte e degli eventuali provvedimenti adottati dal comune relativamente alla “procedura concorsuale viziata”.

Pertanto, dopo aver letto quanto sopra, la “libera interpretazione” lascia il tempo che trova. Sostenere ancora che il concorso tutto, si è svolto nella regolarità, non è corretto. Bisogna essere intellettualmente onesti ed ammettere che, il fatto che nessun candidato abbia presentato ricorso, non esula l’amministrazione dalle sue responsabilità.

Va ricordato inoltre, che durante la prova selettiva, si poteva chiedere di sostituire i fogli in caso di risposta errata, altra anomalia non da poco.

In qualsiasi selezione deve sempre prevalere l’interesse pubblico ad agire nel rispetto delle norme e, giustificarsi dicendo che gli atti del concorso non siano stati impugnati davanti alla giustizia amministrativa, non equivale certo a riconoscergli legittimità.

I consiglieri comunali
Rosita Cicoria
Luciano Cimarello
Giulia Moscetti
Giulia De Santis

 


Articoli: “Prova selettiva per quattro agenti di polizia locale, è tutto regolare?”


Condividi la notizia:
31 luglio, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR