--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Il segretario provinciale del Pd sulla chiusura del centro di Erinna

Egidi: “Ora la Tuscia è più debole”

Condividi la notizia:

Andrea Egidi (Pd)

Il segretario provinciale del Pd Andrea Egidi

Riceviamo e pubblichiamo – La notizia della chiusura, dopo anni di preziosa attività, del Centro antiviolenza Erinna è un duro colpo per quanti credono sinceramente nella necessità di avere punti di riferimento per i soggetti più deboli.

Il grado di civiltà di un territorio, di una provincia, si misura anche attraverso l’attenzione che viene posta da chi ha responsabilità di governo verso le persone che hanno bisogno di aiuto, di sostegno. Le donne rappresentano una risorsa irrinunciabile per la nostra società. La politica ha il dovere di investire – ancor di più in tempi di crisi come quello che stiamo vivendo – sul loro lavoro, sulla loro vita, sulla loro serenità. Non è accettabile che su questo, in modo superficiale e sbrigativo, si operino dei tagli senza preoccuparsi delle conseguenze che decisioni di questa natura comportano per la vita delle persone in difficoltà.

La giunta Meroi ha dimostrato di non avere nei fatti alcuna sensibilità da questo punto di vista.

Mi domando se questa odiosa vicenda sia il primo frutto di un bilancio, quello approvato in questi giorni, che abbiamo gia definito come carente e chiaramente inadeguato rispetto a cio che la Tuscia si aspetta dall’amministrazione provinciale.

Fatto sta che sulla voce relativa alle politiche sociali troviamo una fortissima riduzione, a nostro avviso inspiegabile, delle risorse.

Con la decisione assunta viene smantellata una realtà che nel corso di questi anni era cresciuta. Negli anni scorsi la giunta Mazzoli, anche grazie ai contributi regionali aveva costruito le condizioni per rafforzare nel tempo questa esperienza. Oggi tutto ciò è cancellato.

Il Centro Erinna ha rappresentato l’unica possibilità per donne vittime di molestie e violenze la cui vita è spesso segnata in modo indelebile. Oggi la Tuscia è più povera, più debole.

Come Partito democratico ci impegneremo per evitare che questa decisione irresponsabile diventi definitiva in tutte le sedi opportune.

Siamo convinti che su temi fondamentali, come il rispetto delle persona e il diritto ad una vita sicura, non possono esserci sconti di impegno e di attenzione. Noi non ne faremo.

Alle volontarie del centro mi sento di esprimere la vicinanza più sincera, mia e del Pd, consapevole che tali sentimenti non basteranno a risolvere questa vicenda. E’ proprio per questo che da subito proveremo a capire quali potranno essere in concreto le iniziative da intraprendere per non far chiudere il Centro Erinna.

Andrea Egidi


Condividi la notizia:
9 luglio, 2011

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR