--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Carabinieri - Gang dell'oro e dell'argento - Via agli interrogatori di garanzia - Allestita un'intera stanza per i reperti ritrovati

“Silver and gold”, i viterbesi rispondono

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:

Carabinieri - Operazione Silver and gold - Gli arrestati

Carabinieri – Operazione Silver and gold – Gli arrestati

Operazione Silver and gold - La conferenza stampa

Operazione Silver and gold – La conferenza stampa

L'operazione dei carabinieri "Silver and gold"

Operazione Silver and gold – Parte del materiale recuperato

Operazione Silver and gold - Parte del materiale recuperato

Operazione Silver and gold – Parte del materiale recuperato

L'operazione dei carabinieri "Silver and gold"

Operazione Silver and gold – Parte del materiale recuperato

Viterbo – Hanno risposto alle domande del gip Franca Marinelli i due uomini viterbesi arrestati nel blitz “Silver and gold”.

V.B. e L.M. sono accusati di associazione a delinquere finalizzata alla ricettazione di oro e argento. I carabinieri del colonnello Mauro Conte ne hanno sequestrate ingenti quantità nell’operazione scattata all’alba di lunedì mattina. 

L’indagine ha ricostruito la filiera dei materiali preziosi provento di furto: rubati negli appartamenti dei quartieri alti, a Roma, Viterbo e in molte altre città, gli oggetti in oro e argento finivano in mano a ricettatori asiatici o della capitale, che avevano come principale punto di riferimento il compro oro di Grotte Santo Stefano, gestito dai viterbesi V.B., L.M. e dalla donna S.M.R., anche lei originaria della Tuscia.

Da qui, i preziosi venivano venduti a una fonderia di Arezzo, che con l’argento realizzava piccoli lingotti. 

Un’indagine condensata e laboriosa che, in appena tre mesi, ha ricostruito che fine faceva il ricco bottino di furti in villa e appartamenti di lusso. Ma gli indagati si difendono: ieri mattina, non si sono tirati indietro all’interrogatorio di garanzia davanti al gip Franca Marinelli. B.V. e L.M. hanno risposto alle domande, fornendo la loro versione. I loro avvocati Marco Mazzatosta e Elena Pampaloni hanno fatto istanza di scarcerazione. Ma è difficile che il gip si pronunci prima di aver ascoltato anche gli altri indagati, ai domiciliari.

Anche l’altra viterbese arrestata, S.M.R., è stata ascoltata a Civitavecchia. 

Intanto, continuano ad arrivare in caserma telefonate dei proprietari dei preziosi rubati per riaverli indietro. I militari sono alle prese con la catalogazione di tutti i reperti, per i quali è stata allestita un’apposita stanza. L’inventario completo degli oggetti ritrovati è disponibile sul sito web dell’Arma dei carabinieri. Per dimostrarne la proprietà, sarà necessario esibire foto e denunce.


Articoli: “Silver and gold”, weekend di interrogatori – Gang dell’argento e dell’oro, una trentina gli indagati – Stanata la filiera dell’oro e dell’argento rubato – Un business da 4 milioni di euro – Operazione Silver and gold, 15 arresti

Multimedia: video: Conte: “Sgominata una intera filiera” – L’operazione dei carabinieri – fotogallery – slide


Condividi la notizia:
28 marzo, 2015

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR