--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Sanitopoli - Filone romano - Ascoltati due testimoni

Tangenti Asl, spuntano fondi neri

Condividi la notizia:

Alfredo Moscaroli

Alfredo Moscaroli

Luciano Mingiacchi, ex direttore generale della Asl Roma H

Luciano Mingiacchi, ex direttore generale della Asl Roma H

Viterbo – (s.m.) – “Moscaroli mi chiese di creare dei fondi neri”.

A rivelarlo è un ex socio della Isa, azienda informatica viterbese travolta nel 2009 dallo scandalo della tangenti Asl. A gennaio, l’ex presidente del cda Alfredo Moscaroli comparirà davanti ai giudici viterbesi: l’accusa è di aver preso 900mila euro di commesse dall’azienda sanitaria viterbese dietro il pagamento di tangenti. Denaro che per i pm Stefano D’Arma e Fabrizio Tucci proveniva proprio dai fondi neri di cui si è parlato ieri, all’udienza sulla tranche romana dell’inchiesta Asl.

Due testimoni, un socio e un dipendente Isa, per tre imputati: l’ex direttore generale della Asl Roma H Luciano Mingiacchi, la dirigente del servizio informatico di Roma H e Rieti Patrizia Sanna e il socio Isa Riccardo Perugini. Tutti accusati di corruzione per le presunte tangenti per la gestione del sistema informatico, affidata alla Isa proprio come a Viterbo, in forza di una convenzione replicata a Rieti e Roma H.

I fondi neri sarebbero stati ottenuti tramite l’acquisto delle automobili per i soci. “Una parte, tra i due quinti e i tre quinti, veniva versata a Moscaroli per la riserva di nero – ha spiegato l’ex socio -. Ricordo di avergli dato tra gli 8mila e i 12mila euro per una Golf”. Lo stesso meccanismo sarebbe stato applicato ad almeno altre cinque automobili intestate alla società. Ma, secondo il testimone, valeva anche per la benzina: “Dovevamo versare a Moscaroli il 60 per cento delle spese per i consumi”.

La difesa avanza il sospetto che i soldi servissero per comprare terreni e case in Sardegna. Ma sulla destinazione di quei fondi, il testimone non sa dire nulla: “Moscaroli era molto riservato su queste cose”. 

L’ex patron della Isa potrebbe testimoniare alla prossima udienza, insieme a un altro dei principali indagati dell’inchiesta Asl: Ferdinando Selvaggini, ex responsabile del Ced accusato di aver intascato centinaia di migliaia di euro di tangenti. Rinviati entrambi a giudizio, affronteranno il processo a gennaio.

Proprio perché imputati in un procedimento connesso a quello di Mingiacchi & Co. alla prossima udienza potrebbero avvalersi della facoltà di non rispondere.


Condividi la notizia:
20 novembre, 2013

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR