Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tribunale - Canino - Parti civili Accademia Kronos e il comitato Difesa ambiente e territorio-Città di Canino - "Soddisfatti della sentenza", commentano i legali Porciani e Capparella

Cartiera “bomba ecologica”, condannato a quattro mesi il legale rappresentante

Condividi la notizia:

Canino

Canino

Ottavio Maria Capparella

Ottavio Maria Capparella

Canino – Cartiera Pontesodo “bomba ecologica”, condannato a quattro mesi e tremila euro di multa con sospensione della pena il legale rappresentante del sito tra il 2013 e il 2014. 

E’ invece scattata la prescrizione per la coimputata, che aveva amministrato l’impianto tra il 2012 e il 2013. Per la donna,  non luogo a procedere per estinzione del reato. Troppo datati i fatti.

Ma soprattutto il giudice Silvia Mattei ha riconosciuto un risarcimento, da quantificare in sede civile, alle parti civili, ovvero Accademia Kronos e il comitato “Difesa ambiente e territorio-Città di Canino” che a suo tempo presentò l’esposto da cui ha preso il via l’indagine. E, sempre il giudice, ha condannato l’imputato alla bonifica del sito.

Soddisfatti dell’esito del processo e del riconoscimento dei danni gli avvocati Ylenia Porciani e Ottavio Maria Capparella, storico legale di Accademia Kronos.

“Una sentenza che dà ragione a una battaglia che ha visto impegnata sia l’associaizone che i cittadini in prima persona, i quali hanno presentato l’esposto in procura e si sono poi costituiti parte civile”, sottolineano i legali. 

Tra le parti offese l’amministrazione provinciale di Viterbo. L’impianto industriale, destinato alla fabbricazione di carta e cartone, tra il 2012 e il 2014, non avrebbe in più occasioni le prescrizioni impartite e previste nell’allegato tecnico dell’autorizzazione integrale ambientale rilasciata dalla Provincia nel 2010. 

Nello specifico, all’esito delle ispezioni programmate previste dalla normativa effettuate dall’Arpa Lazio e dai sopralluoghi dell’amministrazione provinciale, sono stati riscontrati il mancato smaltimento degli scarti del pulper prodotti, nonché un’adeguata separazione e movimentazione in aree pavimentate degli scarti stoccati sul sito, prodotti dalle precedenti gestioni.

I due imputati, un uomo e una donna, erano inoltre accusati di avere realizzato una discarica non autorizzata di rifiuti non pericolosi costituiti sempre dagli scarti del pulper prodotti e da quelli lasciati in precedenza sul terreno.

Alla cartiera in località Ponte Sodo, nel settembre del 2014, è arrivata la forestale, ponendo i sigilli al sito in seguito al sequestro dell’area dov’erano stati ammassati gli scarti di produzione. 

Silvana Cortignani


Articoli: Cartiera “bomba ecologica”, il comitato di cittadini parte civile – “Che futuro avranno i lavoratori della cartiera?” – Rifiuti alla cartiera, scatta il sequestro . “Cartiera Pontesodo, la prefettura convochi un tavolo”

 


Condividi la notizia:
26 gennaio, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR