Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Schianto con la moto - Oggi pomeriggio, nella chiesa di Santa Maria della Grotticella, i funerali del 21enne morto dopo l'incidente sulla Sammartinese

Una borsa di studio in memoria di Raffaele Trua

Condividi la notizia:

Raffaele Trua

Raffaele Trua

Raffaele Trua

Raffaele Trua

Raffaele Trua

Raffaele Trua

Viterbo – Una borsa di studio in memoria di Raffaele Trua.

E’ la volontà della famiglia per i funerali del 21enne vittima di un tragico drammatico incidente sulla Sammartinese. La cerimonia si terrà mercoledì primo luglio alle 16,30 nella chiesa di Santa Maria della Grotticella.

Non fiori dunque ma una raccolta per una borsa di studio che verrà assegnata a uno studente meritevole del corso di laurea triennale di Scienze agrarie e ambientali dell’Università della Tuscia.

Erano le 20 di martedì 23 giugno, quando pare che Trua abbia sbandato con la moto, ne abbia perso il controllo e sia finito fuori strada per poi schiantarsi violentemente contro un albero nei pressi del cimitero di San Martino al Cimino.

La dinamica è al vaglio della polizia stradale che hanno avviato le indagini, verificando se nella zona ci siano telecamere che possano aver ripreso le fasi dell’incidente.

Nel frattempo, la procura di Viterbo ha aperto un fascicolo contro ignoti per omicidio stradale, accusa avanzata come atto dovuto, per permettere agli agenti della stradale di fare luce sull’accaduto. Sembrerebbe, inoltre, che ci sia pure un testimone oculare.

Per tre giorni, Trua ha lottato con tutte le sue forze al Gemelli, dove era arrivato in condizioni disperate e dove è stata scolta l’autopsia. Le ferite su diversi parti del corpo, e soprattutto il gravissimo trauma cranico riportato, gli sono stati però fatali.

Trua lascia mamma Bettina e papà Antonio, un fratello e una sorella, la fidanzata.

Sensibile e pieno di valori, simpatico e divertente, solare e sempre disponibile. Così lo ricorda chi lo conosceva. 

L’intera città di Viterbo, dove Raffaele e la sua famiglia sono conosciuti, stimati e ben voluti, è in lutto.

Il giovane aveva anche tante passioni: dalla pallanuoto alle montagne, dall’arrampicata, ai cavalli e il tennis. 


Articoli: Morte Raffaele Trua, si indaga per omicidio stradale – Il Rotary club Viterbo: “Partecipiamo al dolore per la scomparsa di Raffaele Trua” “Ti immagino mentre cerchi un punto per salire, nella tua ultima arrampicata verso il cielo…” – La città sotto shock per la morte di Raffaele Trua – Raffaele Trua è morto – Raffaele Trua lotta tra la vita e la morte – Va a sbattere contro un albero con la moto, gravissimo ex giocatore di pallanuoto


Condividi la notizia:
1 luglio, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR