Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Sono i visitatori dei circuiti museali e delle aree archeologiche del Mibact - Nella Tuscia soltanto 430 mila turisti - Tra i fanalini di coda anche gli etruschi di Rocca Albornoz

Ventidue milioni di turisti rinunciano alla Tuscia

di Daniele Camilli
Condividi la notizia:

Rocca Albornoz

Rocca Albornoz

Il Santuario della Madonna della Quercia

Il Santuario della Madonna della Quercia

Tuscania - La chiesa di San Pietro

Tuscania – La chiesa di San Pietro

Bagnaia - Villa Lante

Bagnaia – Villa Lante

Caprarola - Palazzo Farnese

Caprarola – Palazzo Farnese

Bolsena - Area del foro a Volsinii

Bolsena – Area del foro a Volsini

Oriolo Romano - Palazzo Altieri

Oriolo Romano – Palazzo Altieri

Viterbo – Ventidue milioni di turisti su ventitré che vengono nel Lazio se ne vanno a Roma. E la Tuscia non la filano di striscio. La città dei papi soprattutto. La Rocca Albornoz, dove sta il museo nazionale etrusco, in un anno ha fatto 10.400 visitatori. Tremila paganti e 7.400 no. Il che potrebbe pure significare che se avessero dovuto pagare, magari neanche loro ci sarebbero andati.

Sono i dati del Mibact, il ministero per i beni culturali, ufficio statistica, e l’anno di riferimento è il 2017. L’ultimo di riferimento. Un patrimonio inesauribile di dati che riguardano le proprietà del ministero. Se la Tuscia dovesse campare di turismo a partire dai beni dello Stato, starebbe messa veramente male.

Nel 2017 ventitré milioni di persone hanno visitato musei, circuiti, monumenti e aree archeologiche del Lazio gestiti dal Mibact. Di questi, 11 milioni e 400 mila sono entrati in beni con ingresso gratuito. Undici milioni e seicentomila in beni col biglietto da pagare. Otto milioni e 300 mila sono stati i paganti. Tre milioni e duecentomila i non paganti. I picchi più alti si registrano tra i mesi di aprile e ottobre, con più di due milioni di turisti ogni trenta giorni.

Su ventitré milioni di turisti che hanno scelto il Lazio, 22 sono andati in provincia di Roma. Dove c’è appunto la capitale. Quasi undici milioni sono finiti all’interno del circuito del gratuito. Undici milioni e passa in quello a pagamento. Otto milioni i paganti, tre i non paganti.

Quanti di questi hanno scelto la Tuscia? 435mila circa. Meno di Frosinone, che ne ha totalizzati 514 mila. Vabbé che in provincia di Roma c’è Roma. Ma meno di mezzo milione di turisti su più di venti che arrivano a una settantina di chilometri dalla Tuscia è veramente tanto.

Ad esempio, Civita di Bagnoregio, che non ha nulla a che fare con i beni di stato, da sola, quest’anno, ha oltrepassato abbondantemente il milione di turisti.

Dati che confermano come le persone vadano attirate sul territorio. Difficilmente cadono dal cielo. Non per i prossimi anni. Una situazione che si fa sentire pure in termini di incassi. Su oltre 75 milioni di euro incassati in tutta la regione, 74 riguardano la provincia di Roma. Uno quella di Viterbo. Agli altri finiscono solo le briciole.

Sempre per fare un confronto, Civita di Bagnoregio, da sola, un milione di euro lo fa solo con i turisti che parcheggiano la macchina. 

In provincia di Viterbo il Mibact gestisce cinque musei (tre a pagamento e due gratuiti), 14 tra aree archeologiche e monumenti (sei a pagamento e otto gratuiti) e un circuito museale, a pagamento. In tutto il Lazio, le proprietà statali sono 92, 47 a pagamento e 45 gratis.

Nella Tuscia, i musei portano a casa complessivamente quasi 78 mila euro in un anno. Questo grazie a 76 mila visitatori in tutto. Meno di un euro a testa. Manco ‘na birretta.

Stanno messi peggio monumenti e aree archeologiche. I visitatori sono stati 251 mila. Cento undici mila non paganti. per un incasso complessivo di 717 mila euro. Meno dei parcheggi di Civita. Il circuito museale di Tarquinia frega invece tutti. Ben oltre ventisei mila spettatori. Tutti paganti e con introiti che superano i 200 mila euro.

Per quanto riguarda le visite, tra le realtà a ingresso gratuito, brilla il Santuario della Madonna della Quercia a Viterbo con 29.500 presenze. Fanalino di coda, la città romana di Volsini a Bolsena con 2.700 persone.

Tra i beni a pagamento, Villa Lante a Bagnaia batte tutti. Novanta mila biglietti e 201 mila euro in tasca. A guadagnare più di tutti è tuttavia Palazzo Farnese a Caprarola che con 71 mila visitatori (46 mila paganti) mette da parte 226 mila euro. Ultimo classificato in termini presenze, palazzo Altieri a Oriolo Romano. Tremila e ottocento anime e 5.800 di incassi. Penultimo posto per il museo nazionale etrusco Rocca Albornoz a Viterbo con 10.400 ingressi e 17 mila euro di incassi in un anno.  

Infine una domanda. Perché?

Daniele Camilli


I dati del Mibact per la provincia di Viterbo – Anno 2017

Beni a ingresso gratuito

Villa Giustiniani (Bassano Romano)

Visitatori – 1100 (circa)

Città romana di Volsini (Bolsena)

Visitatori – 10.200

Chiesa di Santa Maria maggiore (Tuscania)

Visitatori – 14 mila

Chiesa di San Pietro (Tuscania)

Visitatori – 15 mila 

Museo archeologico nazionale (Tuscania)

Visitatori – 11.200 

Necropoli della Madonna dell’olivo (Tuscania)

Visitatori – 1500

Teatro romano e città di Ferento (Viterbo)

Visitatori – 5 mila

Basilica di San Francesco (Viterbo)

Visitatori – 10 mila

Santuario della Madonna della Quercia (Viterbo)

Visitatori – 29.500

Beni con ingresso a pagamento

Museo archeologico di Vulci (Canino)

Visitatori – 22 mila (circa)

Paganti – 11 mila

Non paganti – 10.900

Incassi – 21.600 euro

Parco naturalistico archeologico di Vulci (Canino)

Visitatori – 22 mila

Paganti – 19.700

Non paganti – 2.900

Incassi – 120 mila euro

Palazzo Farnese (Caprarola)

Visitatori – 71 mila

Paganti – 46.300

Non paganti – 24.600

Incassi – 226 mila euro

Palazzo Altieri (Oriolo Romano)

Visitatori – 3.800

Paganti – 1400

Non paganti – 2400

Incassi – 5800 euro

Anfiteatro romano (Sutri)

Visitatori – 19 mila

Paganti – 13.400

Non paganti – 5.900

Incassi – 61.600 euro

Circuito archeologico (Tarquinia)

Visitatori – 26.600

Paganti – 26.600

Non paganti – 0

Incassi – 209 mila euro

Museo archeologico nazionale (Tarquinia)

Visitatori – 22 mila

Paganti – 6500

Non paganti – 15.600

Incassi – 38 mila euro

Necropoli etrusca (Tarquinia)

Visitatori – 44.700

Paganti – 17 mila

Non paganti – 27 mila

Incassi – 102 mila euro

Rocca Albornoz Museo nazionale etrusco

Visitatori – 10.400

Paganti – 3000

Non paganti – 7400

Incassi – 17 mila euro

Villa Lante (Viterbo)

Visitatori – 90 mila

Paganti – 41 mila

Non paganti – 48.500

Incassi – 201 mila euro


Condividi la notizia:
10 gennaio, 2019

Reportage ... Gli articoli

  1. La guerra fredda sui muri della città dei papi
  2. A chi conviene la trasversale?
  3. "L'Ater è un'azienda sull'orlo del collasso"
  4. "Fabrizio Frizzi aveva il dono di saper abbracciare"
  5. La costituzione che il liceo classico ha dimenticato
  6. Il sole bacia la fiera dell'Annunziata
  7. "Giochiamo a cricket a Valle Faul per fare una cosa diversa nella vita"
  8. Riello, come nascondere la polvere sotto il tappeto
  9. "La ringraziamo a nome di tutta quanta la Chiesa"
  10. "Torneranno a cacciarci con la polizia..."
  11. "Terme ex Inps, sono stati già dati 20 mila euro per individuare l'advisor"
  12. "Case popolari, chiediamo di restare e pagare l'affitto in base al reddito"
  13. "Terme ex Inps, prima di chiuderle le hanno ristrutturate"
  14. "Quota 100 crea problemi senza risolverli"
  15. Pranzo del Purgatorio, oltre 500 anni di solidarietà e beneficienza
  16. Carnevale 2019, vince il Regno di madre natura
  17. "Via dei Pellegrini, gli alloggi verranno sistemati entro maggio"
  18. Le Terme ex Inps saccheggiate, devastate e abitate
  19. Parcheggio selvaggio in tutto il centro storico
  20. "Via dei Pellegrini, il comune non ha fatto i lavori e non ha regolarizzato gli assegnatari"
  21. Alieu Jallow torna in Gambia
  22. Viterbo saluta don Angelo Gargiuli
  23. Il Carnevale va a gonfie vele...
  24. Un uragano di carri, maschere e colori...
  25. Quel pasticciaccio brutto di via dei Pellegrini
  26. "Vivo in uno stanzone del comune senza acqua, bagno e riscaldamento..."
  27. Carri, gruppi mascherati e mille scintillanti colori
  28. La città che non vuole la mafia scende in piazza...
  29. "Il decreto sicurezza somiglia alle leggi razziali volute dal fascismo"
  30. "Pronti a stanziare le risorse necessarie per la bonifica della discarica del Cinelli"
  31. Il Riello nel degrado
  32. "L'illegalità non può avere la precedenza, entro tre mesi avvieremo le procedure di sfratto"
  33. "Chi nega le foibe è un imbecille, un delinquente e un birbaccione..."
  34. Al "serpentone" di Bagnaia senza luce né acqua
  35. Addio al fiume fantasma che attraversa Viterbo...
  36. Riparata la recinzione del "Colosseo", ora è severamente vietato entrare
  37. Strade colabrodo ovunque
  38. "Appena abbiamo iniziato a costruirlo, le donne lo hanno subito presidiato"
  39. "Tutti trattengono il fiato, perché tutti sanno di essere colpevoli..."
  40. "Una festa per tutelare i diritti degli animali"
  41. il ricordo della sterminio degli ebrei è cosa viva anche nella Tuscia
  42. Cani e gatti contro il bullismo
  43. "Centro di ascolto, mensa e dormitorio Caritas aperti tutto il giorno"
  44. "Tutto perfetto, operativi e in allerta 24 ore su 24"
  45. I rifiuti al Riello rischiano di invadere la strada
  46. "I Pokemon Go c'hanno fatto impazzire, i ragazzi li cercavano sui binari"
  47. Quanto tempo ci vuole per riavere casa?
  48. Il collasso del centro storico
  49. Alieu Jallow tornerà in Gambia
  50. "A Mammagialla è difficile applicare pure le punizioni"
  51. Il focarone fa risplendere Bagnaia
  52. "Rischiamo la rivolta dei detenuti o un'evasione"
  53. "Piazza della Rocca, San Faustino e la Trinità vanno recuperate e valorizzate"
  54. Al Pilastro una partita di calcio contro il razzismo...
  55. "Il cortile di San Carluccio doveva essere una casa albergo per persone in difficoltà"
  56. "Un centro studi per indagare gli aspetti meno conosciuti del lavoro di Pier Paolo"
  57. La vergogna cittadina degli affreschi distrutti in via Annio e via Saffi
  58. "E' stato un padre e un fratello, l'amico del cuore"
  59. "Hai sempre cercato di disegnare un sorriso sui nostri volti"
  60. "Befane di tutta Italia unitevi..."
  61. Pienone per la calza della befana più lunga del mondo
  62. Luminaria, suggestioni poetiche nel segno del dialogo e dell’integrazione
  63. "Civita e Bagnoregio diventeranno lo snodo turistico e viario di tutta la Tuscia"
  64. Happy New Year
  65. "Chiesa San Lazzaro: reperite le risorse per il tetto, e affidati i lavori"
  66. Chiesa di San Lazzaro, dopo tre mesi il comune non ha fatto nulla
  67. "Vivo. Vivo? Respiro! Qui è pieno de topi..."
  68. "È una città che ha poca attenzione per il suo patrimonio culturale"
  69. Lago di Vico, nessuna contaminazione dovuta all'arsenico
  70. "Consiglio a tutti di visitarla, noi abbiamo deciso di passarci il Natale"
  71. La Teverina diventerà il paese delle fiabe d'Europa
  72. "Anpi, il prefetto Bruno doveva partecipare all'inaugurazione della sede"
  73. Due quintali di solidarietà per il Campo delle rose
  74. La banda della Polizia e la Croce Rossa incantano l'Unione
  75. "Provocazione fascista contro la sede dell'Anpi"
  76. "Un'aggressione mediatica senza precedenti"
  77. Un borgo dipinto a Bagnoregio e una flotta di bus turistici per collegare tutta la Tuscia
  78. Scontri, barricate, pallottole di gomma... è la battaglia di Parigi
  79. I sogni dei bambini nelle letterine a Babbo Natale...
  80. Cinelli, il telo della discarica verrà riparato e il sito bonificato
  81. I pericoli del "Colosseo", dove i ragazzi rischiano la vita
  82. "Trasformare lo studio di Pier Paolo in casa vacanze sarebbe solo uno sfregio"
  83. La Torre di Pier Paolo Pasolini rischia di diventare una casa vacanze
  84. "Pier Paolo passò qui il suo ultimo capodanno, con Bertolucci e Taviani"
  85. L'umidità sta divorando gli affreschi di Vanni al cimitero di San Lazzaro
  86. Nel cuore del rave, tra sballo, peace e love
  87. Discarica del Cinelli, l'inchiesta di Tusciaweb finisce su Rai News
  88. "Rifiuti pericolosi a Cinelli, si intervenga al più presto"
  89. La discarica di Cinelli vista dal drone
  90. Discarica del Cinelli, dieci regioni e 29 province coinvolte
  91. Oltre 140 mila tonnellate di rifiuti pericolosi
  92. Discarica del Cinelli, una bomba ecologica che rischia di esplodere
    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR