Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tribunale - E' stato condannato a un anno e 8 mesi l'ex agente penitenziario Angelo Fortuna

Estorsione e usura, Salvatore Bramucci patteggia 3 anni e 4 mesi

Condividi la notizia:


Salvatore Bramucci

Salvatore Bramucci

Viterbo - Giuliano Migliorati

L’avvocato Giuliano Migliorati

Viterbo – (sil.co.) – Estorsione e usura, Salvatore Bramucci ha patteggiato una condanna a tre anni e quattro mesi di reclusione con lo sconto di un terzo della pena previsto dal rito.

Il difensore Giuliano Migliorati, inoltre, ha ottenuto la restituzione degli otto preziosi orologi posti sotto sequestro durante la perquisizione domiciliare effettuata  il 9 gennaio 2020, il giorno dell’arresto da parte della polizia. Sono 6 Rolex, un Cartier e un orologio Bulgari che, secondo gli inquirenti, potevano essere frutto di attività illecite.

Bramucci, 57 anni, di Soriano nel Cimino, attualmente ai domiciliari, è stato arrestato un anno fa assieme all’ex agente penitenziario Angelo Fortuna, 40 anni, di Barbarano Romano, che  sua volta aveva già patteggiato una condanna a un anno e otto mesi. 

Tre le presunte vittime di usura e estorsione da parte di Bramucci: una coppia e un commercialista residenti sui Cimini e lo stesso coindagato Fortuna, che a sua volta si sarebbe rivolto a lui per problemi di liquidità.

Secondo i pm Stefano D’Arma e Michele Adragna, titolari delle indagini, i due presunti complici avrebbero intercettato imprenditori in difficoltà, in un tessuto sociale, come quello viterbese, permeato dall’usura anche a causa delle difficoltà di accesso al credito da parte dei titolari di piccole aziende, imprese agricole o artigiane, studi professionali.

Tre mesi prima dell’arresto, Bramucci si sarebbe recato presso lo studio del commercialista – teste chiave dell’accusa e principale accusatore – per ottenere la consegna di 15mila euro, frangente nel corso del quale gli investigatori avrebbero udito anche gravi minacce da parte dell’imputato, che si sarebbe detto pronto a ricorrere a una persona armata per avere denaro chiesto. Fortuna, in un’occasione, davanti a una vittima sgomenta, messa sotto torchio da Bramucci, avrebbe fatto la sua parte stando da una parte in silenzio, ma armeggiando minacciosamente col caricatore della pistola.

Nell’abitazione di Bramucci, che già nel 2007 era stato arrestato per usura e tentata estorsione nell’ambito dell’operazione Bobcat, è stato trovato un “tesoretto” di diecimila euro in contanti e diversi orologi d’oro o comunque di grande valore, quelli che per l’appunto ieri gli sono stati restituiti dopo la sentenza emessa dal collegio presieduto dal giudice Silvia Mattei. 


Articoli: Estorsione e usura, un anno e otto mesi a ex agente penitenziario – “Usura e estorsione, Bramucci in carcere per i gravi indizi di colpevolezza e la spregiudicatezza” – Usura e estorsione, Bramucci e Fortuna fanno scena muta davanti al gip – Estorsione e usura, oggi davanti al gip Salvatore Bramucci e Angelo Fortuna – Pistola in pugno spaventavano le vittime – Estorsione e usura, in manette un pregiudicato e un ex agente della penitenziaria – “Gli arrestati incutevano estremo timore nelle vittime, particolare è la loro attitudine criminale”  – Estorsione, due arrestati all’alba


Condividi la notizia:
13 gennaio, 2021

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR