--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Un patrimonio storico e artistico che rischia di perdersi per sempre - FOTO

La vergogna cittadina degli affreschi distrutti in via Annio e via Saffi

di Daniele Camilli

DTDinfo id=”adsenseinterno”]
Viterbo - Via Annio

Viterbo – Via Annio

Viterbo - La facciata graffita in via Annio

Viterbo – La facciata graffita in via Annio

Viterbo - La facciata graffita in via Annio

Viterbo – La facciata graffita in via Annio

Viterbo - La facciata graffita in via Annio

Viterbo – La facciata graffita in via Annio

Viterbo - Via Saffi

Viterbo – Via Saffi

Viterbo - L'affresco della Trinità in via Saffi

Viterbo – L’affresco della Trinità in via Saffi

Viterbo - Un palazzo in via Saffi

Viterbo – Un palazzo in via Saffi

Viterbo – Che vergogna. È il pensiero che passa per la mente attraversando via Saffi e via Annio. Tirando però su il naso. A guardare gli affreschi distrutti, probabilmente per sempre. In pieno centro storico a Viterbo, città turistica e dei papi.


Fotogallery: Gli affreschi distrutti in via Annio e via Saffi


Due in particolare. Quello della Trinità in via Saffi, risalente al settecento. E la facciata graffita delle scuderie di Palazzo Nini in via Annio, concepita invece alla fine del cinquecento e definita da Simonetta Valtieri, docente universitaria allieva dell’architetto Bruno Zevi, “rara e interessante”. Talmente tanto rara e interessante che Viterbo ha fatto di tutto per distruggerla. Con una “violenza” tale che oggi è pressoché irrecuperabile. Per quanto è ridotta male. Anzi malissimo. Un malato terminale. Con tutti quanti che sono stati lì a guardare.

Giacomo Nini, uomo d’arme e nobile viterbese, aveva immaginato e voluto che la facciata di via Annio rappresentasse i cinque sensi, secondo una moda diffusa all’epoca dal pittore e incisore olandese Hendrick Goltzius, e sulla facciata del mezzanino le quattro virtù cardinali e la fede, unica virtù teologale presente. Considerata al tempo fondamento di una vita virtuosa.

Oggi i graffiti della facciata si stanno mano mano sgretolando. Come se qualcuno li avesse scartavetrati. Come se nulla fosse. Con tubi dell’acqua che gli passano davanti e macchine ai piedi parcheggiate dove non dovrebbero. Davanti ai volti di sensi e virtù. Nonostante appelli e allarmi lanciati nel corso degli anni.

In via Saffi, se possibile, la situazione è addirittura peggiore. Da un lato, la chiesa ortodossa di Sant’Ignazio, tenuta come Cristo comanda. Dall’altro, l’affresco della Trinità del ‘700. Sempre Cristo, ma ‘sta volta è devastato. Quasi che questa volta, invece di crocifiggerlo, se ne siano sbarazzati con una cannonata in pieno petto. L’affresco praticamente non c’è più. Attorno, un palazzo malmesso e davanzali che si sgretolano. Anche qui, selvaggi giardini pensili che s’affacciano su una strada che una volta era la via Condotti di Viterbo. Oggi la mattanza delle attività commerciali, falcidiate dalla crisi, non ne ha lasciato nemmeno il ricordo.

Due vie storiche, abbandonate a se stesse. Un’arteria che da via Saffi, passando per le scale di fronte a casa Poscia, procedeva poi per via Annio. Dritta al cuore del centro storico, quartiere San Pellegrino. Recisa. A far morire cose che un tempo erano parte del patrimonio cittadino. D’altronde, poco oltre, in via del Gonfalone, ad attendere il turista c’è anche un palazzo. Pericolante. Puntellato e messo in sicurezza ad agosto. Qualche mese fa.

Che fare? Difficile dirlo. Quel che si sa e soltanto questo. Tutti sono rimasti a guardare.

Daniele Camilli

11 gennaio, 2019

Reportage ... Gli articoli

  1. "Rischiamo la rivolta dei detenuti o un'evasione"
  2. "Piazza della Rocca, San Faustino e la Trinità vanno recuperate e valorizzate"
  3. Al Pilastro una partita di calcio contro il razzismo...
  4. "Il cortile di San Carluccio doveva essere una casa albergo per persone in difficoltà"
  5. "Un centro studi per indagare gli aspetti meno conosciuti del lavoro di Pier Paolo"
  6. Ventidue milioni di turisti rinunciano alla Tuscia
  7. "E' stato un padre e un fratello, l'amico del cuore"
  8. "Hai sempre cercato di disegnare un sorriso sui nostri volti"
  9. "Befane di tutta Italia unitevi..."
  10. Pienone per la calza della befana più lunga del mondo
  11. Luminaria, suggestioni poetiche nel segno del dialogo e dell’integrazione
  12. "Civita e Bagnoregio diventeranno lo snodo turistico e viario di tutta la Tuscia"
  13. Happy New Year
  14. "Chiesa San Lazzaro: reperite le risorse per il tetto, e affidati i lavori"
  15. Chiesa di San Lazzaro, dopo tre mesi il comune non ha fatto nulla
  16. "Vivo. Vivo? Respiro! Qui è pieno de topi..."
  17. "È una città che ha poca attenzione per il suo patrimonio culturale"
  18. Lago di Vico, nessuna contaminazione dovuta all'arsenico
  19. "Consiglio a tutti di visitarla, noi abbiamo deciso di passarci il Natale"
  20. La Teverina diventerà il paese delle fiabe d'Europa
  21. "Anpi, il prefetto Bruno doveva partecipare all'inaugurazione della sede"
  22. Due quintali di solidarietà per il Campo delle rose
  23. La banda della Polizia e la Croce Rossa incantano l'Unione
  24. "Provocazione fascista contro la sede dell'Anpi"
  25. "Un'aggressione mediatica senza precedenti"
  26. Un borgo dipinto a Bagnoregio e una flotta di bus turistici per collegare tutta la Tuscia
  27. Scontri, barricate, pallottole di gomma... è la battaglia di Parigi
  28. I sogni dei bambini nelle letterine a Babbo Natale...
  29. I pericoli del "Colosseo", dove i ragazzi rischiano la vita
  30. "Trasformare lo studio di Pier Paolo in casa vacanze sarebbe solo uno sfregio"
  31. La Torre di Pier Paolo Pasolini rischia di diventare una casa vacanze
  32. "Pier Paolo passò qui il suo ultimo capodanno, con Bertolucci e Taviani"
  33. L'umidità sta divorando gli affreschi di Vanni al cimitero di San Lazzaro
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR