--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Caffeina - Lettere - Scrive Stefano Spolverini

Il cervello “intra moenia” viterbese…

Condividi la notizia:

Viterbo

Viterbo

Riceviamo e pubblichiamo – Quello che è successo, e quello che succede quotidianamente in questa città, che dopo 46 anni mi accingo a lasciare, rende palese quello che da tempo sostengo.

A Viterbo ci sono due cinte murarie.

Una, la conosciamo tutti, ce l’hanno lasciata i nostri avi e si è miracolosamente conservata quasi integralmente per secoli, ed è quella reale, quella che ci sta davanti tutti i giorni e attraversiamo con le auto, e non a piedi come si dovrebbe.

Sta lì, imponente e severa, a testimoniare che Viterbo è stata nel Medioevo una delle città più potenti e influenti d’Italia. Ma è un passato ingombrante, che poco si addice all’altra cinta muraria.

L’altra cinta muraria, quella più forte e solida, intatta e completa, potente e tenace, invalicabile, si trova altrove, dentro la capoccia della stragrande maggioranza dei viterbesi.

Lì, dentro la capoccia, avvolge il cervello e lo difende dalle pericolose contaminazioni culturali, etniche, sociali.

Qui il “cervello intra moenia viterbese”  (che abbrevieremo con la sigla Cimv) fermenta ed elabora con estrema lentezza, pochi processi cerebrali, generalmente incentrati sulla moda del momento, che quando si attiva nel Cimv è ormai già vecchia di almeno quattro anni. L’altro processo è legato alla guida dell’auto, che possibilmente deve seguire il proprietario ovunque, e se fosse possibile anche nella camera da letto per accompagnarlo di notte a mingere al bagno.

Purtroppo ogni tanto un evento prende piede a Viterbo, piano piano cresce, ma il Cimv non lo percepisce, perché ancora impegnato in sinapsi programmate al bar sotto casa. Il problema sorge quando nel Cimv si attiva l’allarme legato al posto della macchina, perché si sa, il Cimv impedisce al viterbese di fare più di dieci metri a piedi.

E allora, scattano le maledizioni su questo o quell’evento, perché impediscono di parcheggiare sotto casa, dentro il Comune, dentro le chiese e soprattutto dentro San Pellegrino o Pianoscarano, che si sa, sono stati concepiti nel medioevo dai nostri lungimiranti avi, proprio per parcheggiare suv e bolidi vari presi a leasing.

Finito l’evento disturbatore, il Cimv ricade in catalessi, e riattiva il processo della noia, lamentandosi che a Viterbo non si fa mai niente.

Stefano Spolverini


Condividi la notizia:
10 luglio, 2012

Caffeina 2012 ... Gli articoli

  1. Quella sera la macchina rischiò di crollare...
  2. Green economy e sviluppo sostenibile a Caffeina
  3. Caffeina, è la sera di Nello Celestini
  4. "Provenzano non è mai stato a Viterbo"
  5. Solo una mentalità retrograda
  6. "Incredibili le critiche contro Caffeina"
  7. Lunga vita a Caffeina, ma in una città protagonista
  8. "Non vi curate di chi non vi merita"
  9. "…Caffeina potrà fare a meno di Pianoscarano"
  10. Caffeina val bene qualche sacrificio
  11. Caffeina, il sindaco batta un colpo!
  12. Caffeina, croce e delizia per i viterbesi del centro storico
  13. "Come si lascia un quartiere si lascia una città"
  14. Caffeina pronta a lasciare Viterbo?
  15. Io faccio zapping... umano
  16. Una serata con Pablito...
  17. "La politica per prima deve combattere l'illegalità"
  18. "Della mafia non frega niente a nessuno, finché non ammazza"
  19. Un grazie che non mi sarei mai aspettata
  20. Serata magica...
  21. Mi immergerò nella città sotterranea...
  22. La mia Caffeina è a Pianoscarano
  23. Siete gli altoparlanti di ritorno dell'egemonia di sinistra
  24. Voglio semplicemente godermi la cultura
  25. La notte d'amore, musica e poesia di De Cataldo
  26. La mia Caffeina low cost
  27. Adotterei volentieri una serie di eventi, ma...
  28. E Caffeina esplode
  29. Caffeina a tutto slow food
  30. Caffeina si tinge d'Azzurro
  31. La mia Caffeina è tutta viterbese
  32. De Cataldo e le storie di mafia
  33. Benni, Mac Mahon e Marchesini aprono Caffeina
  34. Voglio proprio gustarmi la Marchesini
  35. Che cosa rappresenta Viterbo per i viterbesi?
  36. Voglio fare indigestione di noir e giornalismo
  37. Caffeina, attenzione ai divieti
  38. Caffeina scende nei sotterranei di Tesori d'Etruria
  39. Caffeina, il perché dei biglietti...
  40. Più Caffeina e più sicurezza
  41. Da Anna Marchesini al premio Nobel per la pace
    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR