--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Arrestato dai carabinieri - Fratello di uno degli indagati dell'operazione antimafia "Erostrato", nel 2017 era stato trovato con 38 chili di sostanza stupefacente e rimpatriato nel paese d'origine

Trafficante di droga espulso, rientra in Italia col cognome della moglie

Condividi la notizia:

Carabinieri

Carabinieri

Viterbo – Trafficante di droga espulso, rientra in Italia col cognome della moglie.

I carabinieri del Nucleo investigativo e della compagnia di Viterbo, nell’ambito della capillare attività di controllo del territorio, hanno rintracciato, nei pressi dell’ospedale Belcolle, David Rebeshi, cittadino albanese di trent’anni, irregolare sul territorio nazionale.

“Si tratta – si legge in una nota dei carabinieri – del soggetto ben conosciuto dai militari, al quale era stata recentemente sequestrata, ai fini della confisca, la somma in contanti di oltre 22mila euro e fratello di uno degli indagati dell’operazione antimafia “Erostrato”.

David Rebeshi, dopo aver scontato la condanna inflittagli dal tribunale di Viterbo perché sorpreso, nel febbraio del 2017, con 38 chilogrammi di droga, con provvedimento del prefetto di Viterbo, è stato espulso dal territorio nazionale per cinque anni, rimpatriandolo nel paese d’origine lo scorso mese di maggio.

In Albania – continua la nota -, il 30enne, subito dopo il rimpatrio, si è sposato, potendo così cambiare nome (prendendo il cognome della moglie) e ottenendo dalle autorità albanesi un nuovo passaporto e una patente di guida con generalità diverse da quelle con le quali in Italia era stato arrestato e poi espulso.

David Rebeshi, benché espulso, è rientrato, quindi, in Italia senza la prescritta autorizzazione del ministro dell’Interno, ma ieri sera è stato arrestato”.

Il giudice monocratico del tribunale di Viterbo, davanti al quale David Rebeshi è stato portato, dopo aver convalidato l’arresto, lo ha rimesso in libertà, concedendo il nulla osta a una seconda espulsione.


Articoli: “David Rebeshi capace di delinquere” – I soldi del narcotraffico nascosti tra le medicine – Narcotraffico, sequestrati 22.250 euro in banconote da 50 – Sequestrati 38 chili di marijuana


Condividi la notizia:
13 agosto, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR