--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Magliano Romano - Sentenza d'appello fotocopia del primo grado - Torna libero Gaglini, candidato sindaco di CasaPound alle amministrative 2013

Bastonate allo stadio, confermate le condanne

Condividi la notizia:

Raid a Magliano, gli arrestati escono dal tribunale

Raid allo stadio, 9 indagati – L’uscita dal tribunale dopo gli interrogatori

Ervin Di Maulo all'uscita del tribunale

Ervin Di Maulo

Tribunale - Diego Gaglini, candidato sindaco per CasaPound a Viterbo

Diego Gaglini

Viterbo – Condannati. Come in primo grado.

Quattro anni per lesioni aggravate al 32enne Ervin Di Maulo, decano dei neofascisti viterbesi. Tre anni a Edoardo Fanti, Jacopo Magnani e Diego Gaglini, il candidato sindaco di CasaPound alle elezioni amministrative del 2013 a Viterbo.

Confermata in appello la pena per i 4 militanti dell’estrema destra viterbese accusati del raid allo stadio di Magliano Romano nel 2014. La sentenza intorno alle 18,30, dopo la discussione dei ricorsi delle difese e un’ora e mezza di camera di consiglio. Una sentenza fotocopia di quella del tribunale di Tivoli dell’estate 2015.

Per gli inquirenti, tra la ventina di persone incappucciate, con bastoni, spranghe e tubi in pvc per pestare i tifosi dell’Ardita San Paolo, c’erano anche loro: 9 viterbesi arrestati dai carabinieri di Civita Castellana al ritorno dallo stadio. Era il 16 novembre 2014.

Il processo, stamattina, era per i 4 già noti alle forze dell’ordine, per i quali il pm Gabriele Iuzzolino aveva chiesto il giudizio immediato: Di Maulo, Fanti, Gaglini e Magnani. Solo Di Maulo e Fanti non sono mai usciti dai domiciliari. Magnani è tornato libero a febbraio, dopo 15 mesi di detenzione. Gaglini oggi, su istanza dei suoi legali durante l’udienza.

Quattro persone finirono in ospedale dopo l’irruzione sugli spalti di una ventina di individui a volto coperto. Il match Magliano Romano – Ardita San Paolo fu sospeso.

Una vicenda giudiziaria divisa in più rivoli, tra il processo a chi, degli altri 5 arrestati, ha chiesto il rito abbreviato, e l’altro processo ai quattro già condannati, che devono ancora rispondere di porto di armi e oggetti atti a offendere. Per Di Maulo c’è anche l’accusa di aver violato il Daspo (Divieto di accedere alle manifestazioni sportive), emesso dalla questura nella primavera 2014.

Secondo la pubblica accusa, il raid sarebbe stato una vera e propria spedizione punitiva organizzata nei minimi dettagli: “con premeditazione” consistita, secondo gli inquirenti, in “preordinazione di decine di uomini, mezzi (quindici autovetture) e modalità di esecuzione”.

Al processo di primo grado, a luglio, le difese avevano sottolineato come solo un passamontagna fosse stato trovato nelle due macchine bloccate dai carabinieri. “Nonostante non ci sia la minima prova, è stato deciso che, quel giorno, erano lì dentro, hanno picchiato delle persone e che questa è la pena giusta. Con un processo totalmente indiziario”, dichiara l’avvocato Domenico Gorziglia, che difende i quattro viterbesi insieme agli avvocati Contucci e Pugliese.

Oltre ai 4 e 3 anni di reclusione, restano confermati i risarcimenti alle parti civili: 5mila euro come provvisionale ai feriti.

Resta aperta la porta del ricorso in Cassazione.


Condividi la notizia:
9 maggio, 2016

Raid allo stadio, fermati nove viterbesi ... Gli articoli

  1. "Volto coperto e bastoni in mano, erano cattivi"
  2. Bastonate allo stadio, condanne definitive per Di Maulo e Gaglini
  3. Agguato allo stadio, il terzo processo entra nel vivo
  4. Sprangate allo stadio, quattro condanne
  5. Porto abusivo d'armi, al via il processo
  6. Raid allo stadio, Di Maulo resta ai domiciliari
  7. Spedizione punitiva allo stadio, via al processo bis
  8. Sprangate allo stadio, tutti a giudizio
  9. Sprangate ai tifosi, libero dopo 15 mesi ai domiciliari
  10. Sprangate ai tifosi, salta l'udienza preliminare
  11. "Violenza efferata e organizzata"
  12. Spedizione punitiva allo stadio, via all'udienza preliminare
  13. Sprangate allo stadio, quattro pesanti condanne
  14. Bastonate allo stadio, chiesti fino a 5 anni e mezzo
  15. Raid a bastonate, in quattro chiedono il rito abbreviato
  16. "Una spedizione punitiva premeditata"
  17. Bastonate allo stadio, chiuse le indagini
  18. Raid a sprangate allo stadio, domiciliari a Di Maulo
  19. Raid a bastonate, Diego Gaglini ai domiciliari
  20. Raid allo stadio, Fanti ai domiciliari
  21. Bastonate allo stadio, Fanti ricorre al Riesame
  22. "Siamo più forti di voi, maledette carogne!"
  23. "Ervin Dieghino Conte Jacopetto liberi!"
  24. CasaPound in piazza per Di Maulo, Gaglini e Fanti
  25. Gaglini, Fanti e Di Maulo restano in carcere
  26. Sprangate allo stadio, i giudici ci pensano
  27. Raid a sprangate, il giorno del Riesame
  28. Raid a sprangate, venerdì la parola al Riesame
  29. Sprangate allo stadio: uno ai domiciliari, gli altri liberi
  30. Raid allo stadio, la difesa: "Pronti al ricorso"
  31. Sprangate allo stadio, tre in carcere
  32. Sprangate allo stadio, gli indagati non rispondono
  33. Chiesto il carcere per Gaglini, Di Maulo e Fanti
  34. Raid allo stadio con le spranghe, raffica di perquisizioni
  35. Minnucci (Pd): "Solidarietà all'Ardita, fatti gravi e preoccupanti"
  36. Raid allo stadio con spranghe e bastoni, nove arresti
    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR