--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Operazione Genio e sregolatezza - Sette indagati per l'inutile marciapiede rosso

Toh, la pista pedonabile tra gli appalti truccati…

di Stefania Moretti

Condividi la notizia:

Il cartello dell’appalto della pista pedonabile

La pista pedonabile

La pista pedonabile

La pista pedonabile
Il marciapiede rosso in strada Bagni

Chi si rivede.

La pista pedonabile di strada Bagni fa capolino tra le carte dell’inchiesta sugli appalti truccati. Lavori di recupero e messa in sicurezza dell’antico tracciato della via Francigena. Dal nome non sembra, ma è lei.

La sottile linea rossa che va dalla rotatoria di valle Faul alle terme è tra le 26 presunte gare truccate dell’indagine Genio e sregolatezza.

Tusciaweb se ne occupò fin dal 2010. La pista era nuova di zecca. Ma che pista era? Boh. Ciclabile no davvero. “Pedonabile”, come spiegò poi il comune. Ma quale fosse l’utilità di quella lunga striscia fiammante, costata 575mila euro ai contribuenti, non si è mai saputo. I viterbesi hanno preso atto di quel nuovo, rosso e superfluo marciapiede e sono andati avanti.

Al di là dell’utilità, il problema, adesso, è un altro. Sette persone – delle 63 finite sotto inchiesta – sono indagate per quell’appalto dal nome così poco appropriato. L’ipotesi è turbativa d’asta. I chiamati in causa sono gli imprenditori Angelo Anselmi, Stefano Nicolai, Roberto Tomassetti e Daniela Chiavarino, l’allora assessore Fabrizio Purchiaroni, il funzionario comunale Ferdinando Contessa e l’architetto Gianni Cardarelli.

I pm Stefano D’Arma e Fabrizio Tucci ipotizzano che sia stato fatto in modo di “rendere certa l’aggiudicazione in favore dell’Anselmi”, uno dei 12 arrestati del blitz Genio e sregolatezza.

Nel cartellone con i dettagli del progetto, esposto due anni fa durante i lavori, la ditta Anselmi figura come subappaltatrice. Ma non doveva andare così.

Stando alle indagini, l’accordo iniziale era che fosse Anselmi ad aggiudicarsi l’appalto, ma l’entrata in scena di un noto imprenditore locale, non indagato in questo procedimento, scompaginò i piani. La sua azienda, che non era tra quelle inizialmente partecipanti, decise inaspettatamente di presentare un’offerta, con un cambiamento imprevisto del risultato finale.

L’appalto fu vinto da Stefano Nicolai, titolare dell’omonima impresa edile, finito anche lui in arresto insieme agli altri imprenditori invitati a presentare offerte: il viterbese Tomassetti e Daniela Chiavarino, di Celleno. A quel punto, Anselmi dovette ripiegare sul subappalto.

Per gli inquirenti fu Contessa, sollecitato da Cardarelli e Purchiaroni, a rivelare ad Anselmi i nomi delle aziende partecipanti alla gara, lasciando all’imprenditore ampi margini di accordo con i colleghi. Come infatti sarebbe successo, malgrado l’imprevista vincita della gara da parte di Nicolai.

Non bastava, quindi, che la lunga striscia rossa fosse inutile. Adesso è anche oggetto di una inchiesta.

Vale la pena ricordare i numeri. Base d’asta: 362mila euro. Importo del progetto: 575mila euro. Ribasso: 4,687%.

Stefania Moretti


Condividi la notizia:
28 ottobre, 2012

Genio e sregolatezza - L'inchiesta ... Gli articoli

  1. Appalti truccati, stralciati i Chiavarino e Tomassetti
  2. Appalti truccati, Tomassetti vuole patteggiare
  3. Appalti truccati, i Chiavarino chiedono il patteggiamento
  4. Appaltopoli, in 11 a giudizio immediato
  5. "Gabriela Annesi lasciata fuori dagli uffici del Genio civile"
  6. Appaltopoli, liberi tutti
  7. Appalti truccati, Lanzi ai domiciliari
  8. Fabrizio Giraldo torna libero
  9. Santori torna a lavoro
  10. Due ore di interrogatorio per Cardoni
  11. Roberto Lanzi resta in carcere
  12. Forestale negli uffici del Consorzio Teverina
  13. Appalti truccati, si torna al Riesame
  14. Appaltopoli, la procura vuole il processo subito
  15. Appalti truccati, Lanzi torna a chiedere i domiciliari
  16. Roberto Lanzi resta in carcere
  17. "Santori non è un mostro e non ha preso tangenti"
  18. Lanzi chiede gli arresti domiciliari
  19. "Lanzi mi disse che Santori chiedeva una tangente..."
  20. Annesi e Girotti ai domiciliari
  21. Gabriela Annesi ha parlato
  22. Lanzi e Annesi dai pm
  23. Natale in cella per Gabriela Annesi
  24. "Balducci non poteva interferire con quella gara"
  25. Tomassetti ai domiciliari
  26. Tomassetti cinque ore davanti al pm
  27. "Nessun altro interrogatorio per Santori"
  28. Appalti truccati, anche Giraldo ai domiciliari
  29. Appalti truccati, sotto torchio l'avvocato Luigi Todaro
  30. Appalti truccati, Santori ai domiciliari
  31. "No alla strategia del terrore dei pm"
  32. Appalti truccati, si va in Cassazione
  33. Appalti truccati, respinti i ricorsi
  34. Appalti truccati, il Riesame si riserva
  35. Appalti truccati, nuova sfilata al Riesame
  36. Appalti truccati, il Riesame non scarcera
  37. Appalti truccati, Gianfranco Chiavarino ai domiciliari
  38. Appalti truccati, i giudici si riservano
  39. Appalti truccati, è il giorno del Riesame
  40. Sei e sarai per sempre il mio superpapà...
  41. Gabriela Annesi resta in cella
  42. Lanzi tra Porsche, Audi e negozi
  43. Appalti truccati, il 10 l'udienza al Riesame
  44. Appalti truccati, via ai ricorsi al Riesame
  45. Arresti domiciliari a Daniela Chiavarino e a Bilancini
  46. "Nessuna possibilità di aggiudicarsi gli appalti"
  47. "Io non segnalo o sponsorizzo nessuno..."
  48. Santucci nelle carte dell'inchiesta
  49. Appalti truccati, il 12 udienza al Riesame per Santori
  50. "Annesi succube di Lanzi", "Cardoni innocente"
  51. Appalti truccati, otto restano in carcere e tre ai domiciliari
  52. Appalti truccati, corsa delle difese al Riesame
  53. Una cartolina dal lago...
  54. Intercettazioni, le difese annunciano battaglia
  55. Così si spartivano gli appalti
  56. Per colpa della "sregolatezza" non sappiamo come andare avanti...
  57. Appalti truccati, spunta una tangente da 40mila euro
  58. "Santori non può inquinare le prove, né ripetere il reato"
  59. Appalti truccati, interrogatorio per Santori & Co.
  60. Non abbiamo ricevuto nulla
  61. Appalti truccati, Cardoni consegna documenti al gip
  62. Appalti truccati, in tre non rispondono
  63. Appalti truccati, gli arrestati davanti al gip
  64. Malore Chiavarino, forestale: Attivate tutte le procedure sanitarie
  65. "Un sistema di corruzione ben oliato"
  66. "Scapigliati ha già chiarito la sua posizione"
  67. Appalti e tangenti, 63 sotto inchiesta
  68. Blitz della forestale, Santori si dimette
  69. Tutto iniziò con cave e tangenti
  70. Rifiuti e appalti, arrestato il sindaco di Graffignano
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR