--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Appalti truccati - Operazione Genio e sregolatezza - Il sospetto tenore di vita del funzionario dell'ufficio regionale

Lanzi tra Porsche, Audi e negozi

Condividi la notizia:

La perquisizione della forestale negli uffici del Genio civile

Blitz Genio e sregolatezza, la perquisizione della forestale negli uffici del Genio civile

La forestale davanti alla Gemma Srl, società dell'imprenditore arrestato Roberto Tomassetti

La forestale davanti alla Gemma Srl, società dell'imprenditore arrestato Roberto Tomassetti

La forestale setaccia gli uffici

Le immagini dell'operazione Genio e sregolatezza

Le perquisizioni della forestale
La forestale setaccia gli uffici

(s.m.) – La Porsche. L’Audi. Due negozi di abbigliamento e accessori aperti a Viterbo e a Civita Castellana.

Poteva permettersi tutto questo Roberto Lanzi. Il tenore di vita del funzionario del Genio civile, arrestato nell’inchiesta su appaltopoli, è finito subito sotto la lente della magistratura.

Sull’addetto all’ufficio gare dell’ente in via Marconi pende l’accusa di aver preteso tangenti in cambio di “consulenze” agli imprenditori della Tuscia. Lanzi li avrebbe consigliati su offerte e ribassi, agendo come un vero “manager”: preoccupato, stando alle indagini, più di massimizzare i profitti degli imprenditori che di fare il bene della pubblica amministrazione.

L’agiatezza di Lanzi insospettisce gli investigatori. Per il Nipaf della forestale, che da anni indaga sugli appalti truccati nel Viterbese, quelle sulla capacità economica dell’impiegato sono “le prime considerazioni” da portare all’attenzione della procura. Così si legge in una nota inoltrata dalla forestale nell’ottobre 2011 ai pm Stefano D’Arma e Fabrizio Tucci.

In una conversazione, Lanzi “riferisce di sostenere le rate delle macchine attingendo a un conto corrente ” particolare. Non si tratta di utilitarie, ma di una Porsche e di un’Audi. Dalla stessa conversazione, proseguono i forestali, si evince che il ricorrere al conto corrente”sia un artifizio finalizzato a eludere eventuali verifiche patrimoniali”.

Alle belle macchine, si aggiungono i negozi della catena “Camomilla” a Viterbo e Civita Castellana. Il sospetto che Lanzi li abbia aperti anche grazie ai ricavi extra delle tangenti viene anche a due indagati, gli imprenditori Daniela Chiavarino e Roberto Tomassetti. Intercettati, i due si sfogano: “Quelli so’ tutti i soldi nostri”, dice la Chiavarino. E Tomassetti concorda.

Non è la sola occasione in cui gli imprenditori si lamentano del funzionario. Come riportano i forestali, riassumendo una telefonata del luglio 2010, la stessa Chiavarino “si dimostra contrariata dall’atteggiamento tenuto dal pubblico ufficiale [Lanzi] nei confronti degli imprenditori, dicendo che è ambiguo e poco chiaro, facendo loro notare che le cose costano, mentre, secondo l’imprenditrice, in realtà, è proprio lui che costa e che non possono essere sempre posti sotto scacco da parte sua”.

Il funzionario, arrestato due volte nell’inchiesta Genio e sregolatezza, è ancora a Mammagialla. Il suo avvocato Carmelo Ratano ha depositato il ricorso al tribunale del Riesame. La Chiavarino, invece, è agli arresti domiciliari. Sul parere positivo alla sua scarcerazione ha pesato la scelta dell’imprenditrice di collaborare coi magistrati: la Chiavarino si è sottoposta a un interrogatorio durato sei ore, davanti ai pm titolari del fascicolo. Lanzi, invece, non ha mai parlato, così come Tomassetti.

Dei tredici arrestati, dopo gli interrogatori di garanzia e la pronuncia del gip, sono rimasti in carcere in sette: Lanzi, la collega del Genio Gabriela Annesi, il sindaco di Graffignano Adriano Santori e gli imprenditori Luca Amedeo Girotti, Fabrizio Giraldo, Roberto Tomassetti e Gianfranco Chiavarino (padre di Daniela). Ai domiciliari la Chiavarino e il collega Giuliano Bilancini. Liberi gli imprenditori Angelo Anselmi, Marcello Rossi, Stefano Nicolai e l’assessore di Graffignano Luciano Cardoni.


Condividi la notizia:
6 dicembre, 2012

Genio e sregolatezza - L'inchiesta ... Gli articoli

  1. Appalti truccati, stralciati i Chiavarino e Tomassetti
  2. Appalti truccati, Tomassetti vuole patteggiare
  3. Appalti truccati, i Chiavarino chiedono il patteggiamento
  4. Appaltopoli, in 11 a giudizio immediato
  5. "Gabriela Annesi lasciata fuori dagli uffici del Genio civile"
  6. Appaltopoli, liberi tutti
  7. Appalti truccati, Lanzi ai domiciliari
  8. Fabrizio Giraldo torna libero
  9. Santori torna a lavoro
  10. Due ore di interrogatorio per Cardoni
  11. Roberto Lanzi resta in carcere
  12. Forestale negli uffici del Consorzio Teverina
  13. Appalti truccati, si torna al Riesame
  14. Appaltopoli, la procura vuole il processo subito
  15. Appalti truccati, Lanzi torna a chiedere i domiciliari
  16. Roberto Lanzi resta in carcere
  17. "Santori non è un mostro e non ha preso tangenti"
  18. Lanzi chiede gli arresti domiciliari
  19. "Lanzi mi disse che Santori chiedeva una tangente..."
  20. Annesi e Girotti ai domiciliari
  21. Gabriela Annesi ha parlato
  22. Lanzi e Annesi dai pm
  23. Natale in cella per Gabriela Annesi
  24. "Balducci non poteva interferire con quella gara"
  25. Tomassetti ai domiciliari
  26. Tomassetti cinque ore davanti al pm
  27. "Nessun altro interrogatorio per Santori"
  28. Appalti truccati, anche Giraldo ai domiciliari
  29. Appalti truccati, sotto torchio l'avvocato Luigi Todaro
  30. Appalti truccati, Santori ai domiciliari
  31. "No alla strategia del terrore dei pm"
  32. Appalti truccati, si va in Cassazione
  33. Appalti truccati, respinti i ricorsi
  34. Appalti truccati, il Riesame si riserva
  35. Appalti truccati, nuova sfilata al Riesame
  36. Appalti truccati, il Riesame non scarcera
  37. Appalti truccati, Gianfranco Chiavarino ai domiciliari
  38. Appalti truccati, i giudici si riservano
  39. Appalti truccati, è il giorno del Riesame
  40. Sei e sarai per sempre il mio superpapà...
  41. Gabriela Annesi resta in cella
  42. Appalti truccati, il 10 l'udienza al Riesame
  43. Appalti truccati, via ai ricorsi al Riesame
  44. Arresti domiciliari a Daniela Chiavarino e a Bilancini
  45. "Nessuna possibilità di aggiudicarsi gli appalti"
  46. "Io non segnalo o sponsorizzo nessuno..."
  47. Santucci nelle carte dell'inchiesta
  48. Appalti truccati, il 12 udienza al Riesame per Santori
  49. "Annesi succube di Lanzi", "Cardoni innocente"
  50. Appalti truccati, otto restano in carcere e tre ai domiciliari
  51. Appalti truccati, corsa delle difese al Riesame
  52. Una cartolina dal lago...
  53. Intercettazioni, le difese annunciano battaglia
  54. Così si spartivano gli appalti
  55. Per colpa della "sregolatezza" non sappiamo come andare avanti...
  56. Toh, la pista pedonabile tra gli appalti truccati...
  57. Appalti truccati, spunta una tangente da 40mila euro
  58. "Santori non può inquinare le prove, né ripetere il reato"
  59. Appalti truccati, interrogatorio per Santori & Co.
  60. Non abbiamo ricevuto nulla
  61. Appalti truccati, Cardoni consegna documenti al gip
  62. Appalti truccati, in tre non rispondono
  63. Appalti truccati, gli arrestati davanti al gip
  64. Malore Chiavarino, forestale: Attivate tutte le procedure sanitarie
  65. "Un sistema di corruzione ben oliato"
  66. "Scapigliati ha già chiarito la sua posizione"
  67. Appalti e tangenti, 63 sotto inchiesta
  68. Blitz della forestale, Santori si dimette
  69. Tutto iniziò con cave e tangenti
  70. Rifiuti e appalti, arrestato il sindaco di Graffignano
    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR