--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Appalti truccati - Operazione Genio e sregolatezza - L'avvocato di Lanzi, Carmelo Ratano, attacca la procura

“No alla strategia del terrore dei pm”

di redtw

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:

L'avvocato Carmelo Ratano

L'avvocato Carmelo Ratano

La perquisizione della forestale negli uffici del Genio civile

La perquisizione della forestale negli uffici del Genio civile

“Non vogliono la verità. Vogliono confessioni. E noi a questo gioco al massacro non partecipiamo. Diciamo no alla strategia del terrore dei pm”.

L’avvocato Carmelo Ratano è un fiume in piena dopo il rigetto dei suoi ricorsi al tribunale del Riesame. Nell’inchiesta sull’appaltopoli viterbese, gli spetta un compito delicato: difendere Roberto Lanzi, il funzionario del Genio civile che ha battezzato la maxi inchiesta per corruzione e turbativa d’asta (Genio e sregolatezza).

Arrestato due volte – come gli altri 11 coindagati – Lanzi è coinvolto in 15 delle 26 presunte gare truccate scoperte dai magistrati viterbesi. Ma la “strategia del terrore dei pm”, come la chiama l’avvocato Ratano, con lui non attacca. “Non abbiamo parlato agli interrogatori di garanzia e non lo faremo adesso – spiega il difensore -. Con noi la strategia del terrore dei pm non funziona. Il ricorso per Cassazione, contro il no del Riesame alla scarcerazione, è già pronto. A gennaio, probabilmente, sapremo la data dell’udienza. Aspettiamo. Prima o poi Lanzi uscirà dal carcere e quando lo farà, avremo tempo di svolgere tutte le nostre indagini difensive”.

E’ proprio questo, per l’avvocato, il motivo per cui i pm hanno interesse a tenerlo dentro il più possibile. “Se Lanzi è in carcere noi non possiamo ricostruire, gara per gara, quello che è successo – continua Ratano -. Avevamo iniziato a farlo nell’intervallo tra un arresto e l’altro. Ma abbiamo avuto appena qualche giorno, che comunque è bastato per mettere a fuoco almeno un paio di circostanze che sono esattamente l’opposto del quadro prospettato dai pm. La verità è che siamo in grado di smontare pezzo per pezzo questo castello. Quindi, la procura ha paura”.

Ma allora perché non parlare? Lanzi si dice tranquillo e convinto di poter spiegare. Eppure non ha aperto bocca agli interrogatori di garanzia. “L’idea che mi sono fatto è che gli inquirenti non vogliono la verità. Vogliono di più. Colpevoli che parlino, anche se non c’è niente da dire e anche se il processo va fatto dopo. Lanzi e gli altri indagati ancora in carcere stanno già pagando, come se le loro responsabilità siano già state accertate. Non è così”.

Anche la scelta delle misure cautelari, per Ratano, lascia molto a desiderare. “Perché il carcere? – si chiede – Gli arresti domiciliari sarebbero bastati a mettere al riparo da qualsiasi pericolo di inquinamento delle prove e reiterazione del reato. Invece, sempre per la strategia del terrore, sono state spedite in carcere dieci persone ed è stata intercettata mezza Viterbo. Ecco svelato anche il motivo per cui questa inchiesta non trova il consenso della città. Entro l’anno prossimo il tessuto imprenditoriale viterbese sarà distrutto. L’inchiesta coinvolge trenta aziende, tutte sul lastrico”.

Ma ci sono anche le ditte rimaste fuori dal maxi fascicolo viterbese. Se il meccanismo di spartizione degli appalti ipotizzato dalla procura risultasse vero, ci sarebbero almeno altrettante aziende fallite prima dell’inchiesta. Tagliate fuori da quel presunto oligopolio delle gare che, per gli inquirenti, è cosa certa. “Anche questo andrà verificato al processo – conclude Ratano -. Per ora, tutto quello che vedo è una serie di accuse infondate e di intercettazioni interpretabili in tanti modi”.


Condividi la notizia:
21 dicembre, 2012

Genio e sregolatezza - L'inchiesta ... Gli articoli

  1. Appalti truccati, stralciati i Chiavarino e Tomassetti
  2. Appalti truccati, Tomassetti vuole patteggiare
  3. Appalti truccati, i Chiavarino chiedono il patteggiamento
  4. Appaltopoli, in 11 a giudizio immediato
  5. "Gabriela Annesi lasciata fuori dagli uffici del Genio civile"
  6. Appaltopoli, liberi tutti
  7. Appalti truccati, Lanzi ai domiciliari
  8. Fabrizio Giraldo torna libero
  9. Santori torna a lavoro
  10. Due ore di interrogatorio per Cardoni
  11. Roberto Lanzi resta in carcere
  12. Forestale negli uffici del Consorzio Teverina
  13. Appalti truccati, si torna al Riesame
  14. Appaltopoli, la procura vuole il processo subito
  15. Appalti truccati, Lanzi torna a chiedere i domiciliari
  16. Roberto Lanzi resta in carcere
  17. "Santori non è un mostro e non ha preso tangenti"
  18. Lanzi chiede gli arresti domiciliari
  19. "Lanzi mi disse che Santori chiedeva una tangente..."
  20. Annesi e Girotti ai domiciliari
  21. Gabriela Annesi ha parlato
  22. Lanzi e Annesi dai pm
  23. Natale in cella per Gabriela Annesi
  24. "Balducci non poteva interferire con quella gara"
  25. Tomassetti ai domiciliari
  26. Tomassetti cinque ore davanti al pm
  27. "Nessun altro interrogatorio per Santori"
  28. Appalti truccati, anche Giraldo ai domiciliari
  29. Appalti truccati, sotto torchio l'avvocato Luigi Todaro
  30. Appalti truccati, Santori ai domiciliari
  31. Appalti truccati, si va in Cassazione
  32. Appalti truccati, respinti i ricorsi
  33. Appalti truccati, il Riesame si riserva
  34. Appalti truccati, nuova sfilata al Riesame
  35. Appalti truccati, il Riesame non scarcera
  36. Appalti truccati, Gianfranco Chiavarino ai domiciliari
  37. Appalti truccati, i giudici si riservano
  38. Appalti truccati, è il giorno del Riesame
  39. Sei e sarai per sempre il mio superpapà...
  40. Gabriela Annesi resta in cella
  41. Lanzi tra Porsche, Audi e negozi
  42. Appalti truccati, il 10 l'udienza al Riesame
  43. Appalti truccati, via ai ricorsi al Riesame
  44. Arresti domiciliari a Daniela Chiavarino e a Bilancini
  45. "Nessuna possibilità di aggiudicarsi gli appalti"
  46. "Io non segnalo o sponsorizzo nessuno..."
  47. Santucci nelle carte dell'inchiesta
  48. Appalti truccati, il 12 udienza al Riesame per Santori
  49. "Annesi succube di Lanzi", "Cardoni innocente"
  50. Appalti truccati, otto restano in carcere e tre ai domiciliari
  51. Appalti truccati, corsa delle difese al Riesame
  52. Una cartolina dal lago...
  53. Intercettazioni, le difese annunciano battaglia
  54. Così si spartivano gli appalti
  55. Per colpa della "sregolatezza" non sappiamo come andare avanti...
  56. Toh, la pista pedonabile tra gli appalti truccati...
  57. Appalti truccati, spunta una tangente da 40mila euro
  58. "Santori non può inquinare le prove, né ripetere il reato"
  59. Appalti truccati, interrogatorio per Santori & Co.
  60. Non abbiamo ricevuto nulla
  61. Appalti truccati, Cardoni consegna documenti al gip
  62. Appalti truccati, in tre non rispondono
  63. Appalti truccati, gli arrestati davanti al gip
  64. Malore Chiavarino, forestale: Attivate tutte le procedure sanitarie
  65. "Un sistema di corruzione ben oliato"
  66. "Scapigliati ha già chiarito la sua posizione"
  67. Appalti e tangenti, 63 sotto inchiesta
  68. Blitz della forestale, Santori si dimette
  69. Tutto iniziò con cave e tangenti
  70. Rifiuti e appalti, arrestato il sindaco di Graffignano
    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR