Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Operazione Genio e sregolatezza - Forestale - Tutti i metodi utilizzati per pilotare le gare - Si prepara lo scontro sulle intercettazioni

Così si spartivano gli appalti

Condividi la notizia:

Le immagini dai filmati della forestale

Le immagini dai filmati della Forestale

Il sindaco di Graffignano Adriano Santori

Il sindaco di Graffignano Adriano Santori

L'assessore Luciano Cardoni

L’assessore Luciano Cardoni

La perquisizione negli uffici del Genio civile

La perquisizione negli uffici del Genio civile

Un momento della conferenza indetta per illustrare i dettagli dell'operazione

Il vicequestore aggiunto della forestale Marco Avanzo e il comandante provinciale Giampiero Costantini

(s.m.) – Restano in attesa gli arrestati del blitz Genio e sregolatezza.

Gli amministratori, imprenditori e funzionari del Genio civile finiti in arresto per un presunto giro di appalti truccati aspettano la decisione del gip Franca Marinelli.

Spetterà al giudice, dopo il parere dei pm Stefano D’Arma e Fabrizio Tucci, valutare le richieste di alleggerimento delle misure cautelari avanzate dalle difese di alcuni dei dodici in cella o ai domiciliari.

Quasi tutti gli arrestati si erano avvalsi della facoltà di non rispondere all’interrogatorio di garanzia. Solo l’imprenditore Angelo Anselmi ha parlato. Il sindaco dimissionario di Graffignano Adriano Santori e l’assessore all’Ambiente Luciano Cardoni hanno depositato documenti sulle gare d’appalto incriminate. Gli altri hanno tutti optato per la “scena muta”.

Alcuni, come l’imprenditore vetrallese Marcello Rossi, non hanno nemmeno avanzato richieste di scarcerazione, temendo di trovare un muro da parte dei magistrati. Per Rossi e gli altri che hanno scelto la sua stessa linea, la via del ricorso al tribunale del Riesame è praticamente certa.

Qualche avvocato ha già deciso di affilare le armi sull’utilizzabilità delle intercettazioni, proprio come accaduto nelle inchieste Dazio e Miniera d’oro 1 e 2.

Intanto emergono nuovi particolari su come la cordata di imprenditori avrebbe controllato gli appalti di una buona fetta della provincia. I metodi, per la procura, erano tanti e diversi. Il più eclatante, documentato da riprese video, era quello di aprire le buste e sostituire un’offerta con un’altra, che assicurava all’impresa di fare l’offerta giusta per vincere e più vantaggiosa.

E’ il caso della zona artigianale di Vignanello. L’appalto più imponente, tra i 26 sotto la lente della procura: lavori per quasi due milioni e 600mila euro.

In quasi tutte le gare, le ditte si sarebbero accordate sui contenuti delle offerte.

C’erano, poi, informazioni riservate. Che non dovevano passare. E, invece, diventavano “segreti di Pulcinella”. Come i nomi delle aziende partecipanti alle gare: in qualche caso era lo stesso Roberto Lanzi a comunicarli agli imprenditori e, addirittura, a decidere con loro quali ditte invitare.

Come impiegato all’ufficio gare del Genio civile, Lanzi poteva non solo sapere chi era interessato a un appalto, ma anche elargire consigli sulle percentuali di ribasso e impegnarsi a favorire un’impresa piuttosto che un’altra. Suggerimenti che, in più di un’occasione, gli imprenditori avrebbero pagato con profumate tangenti. Una, addirittura, da 40mila euro, da spartire con la collega – arrestata – Gabriela Annesi.

I consigli, a volte, diventavano così dettagliati che l’imprenditore finiva per stilare il bando direttamente con l’appaltante o con l’ufficio preposto alla burocrazia delle gare (quello di Lanzi). Più di una volta il funzionario del Genio civile avrebbe aiutato gli imprenditori a confezionare l’offerta tecnica: dall’appalto per il risanamento delle case del centro storico di Vignanello alla ristrutturazione dell’ex chiesa San Marco di Tarquinia.

Gli appalti si assegnavano a turno. La ditta predestinata si vedeva attribuire punteggi preferenziali. Le aziende potevano anche essere esortate a rinunciare, come nel caso dei lavori a Palazzo San Valentino, sede della biblioteca di Corchiano. L’imprenditore tarquiniese arrestato Luca Amedeo Girotti fu invitato a fare dietrofront dallo stesso Lanzi: l’appalto, semplicemente, era stato promesso a qualcun altro, come si legge sulle carte dell’inchiesta.

Capitavano anche accordi con i subappaltatori. Secondo i magistrati, l’aggiudicazione di una gara da parte di una certa ditta, in qualche caso, era funzionale al subappalto a un’altra. Lanzi avrebbe preso contatti direttamente col subappaltatore, previo accordo con l’appaltatore predestinato. Su questo fronte l’indagine continua: i pm descrivono questo metodo come uno di quelli adottati dal “sodalizio”, ma quali lavori siano stati affidati con questa modalità è ancora da chiarire.


Condividi la notizia:
30 ottobre, 2012

Genio e sregolatezza - L'inchiesta ... Gli articoli

  1. Appalti truccati, stralciati i Chiavarino e Tomassetti
  2. Appalti truccati, Tomassetti vuole patteggiare
  3. Appalti truccati, i Chiavarino chiedono il patteggiamento
  4. Appaltopoli, in 11 a giudizio immediato
  5. "Gabriela Annesi lasciata fuori dagli uffici del Genio civile"
  6. Appaltopoli, liberi tutti
  7. Appalti truccati, Lanzi ai domiciliari
  8. Fabrizio Giraldo torna libero
  9. Santori torna a lavoro
  10. Due ore di interrogatorio per Cardoni
  11. Roberto Lanzi resta in carcere
  12. Forestale negli uffici del Consorzio Teverina
  13. Appalti truccati, si torna al Riesame
  14. Appaltopoli, la procura vuole il processo subito
  15. Appalti truccati, Lanzi torna a chiedere i domiciliari
  16. Roberto Lanzi resta in carcere
  17. "Santori non è un mostro e non ha preso tangenti"
  18. Lanzi chiede gli arresti domiciliari
  19. "Lanzi mi disse che Santori chiedeva una tangente..."
  20. Annesi e Girotti ai domiciliari
  21. Gabriela Annesi ha parlato
  22. Lanzi e Annesi dai pm
  23. Natale in cella per Gabriela Annesi
  24. "Balducci non poteva interferire con quella gara"
  25. Tomassetti ai domiciliari
  26. Tomassetti cinque ore davanti al pm
  27. "Nessun altro interrogatorio per Santori"
  28. Appalti truccati, anche Giraldo ai domiciliari
  29. Appalti truccati, sotto torchio l'avvocato Luigi Todaro
  30. Appalti truccati, Santori ai domiciliari
  31. "No alla strategia del terrore dei pm"
  32. Appalti truccati, si va in Cassazione
  33. Appalti truccati, respinti i ricorsi
  34. Appalti truccati, il Riesame si riserva
  35. Appalti truccati, nuova sfilata al Riesame
  36. Appalti truccati, il Riesame non scarcera
  37. Appalti truccati, Gianfranco Chiavarino ai domiciliari
  38. Appalti truccati, i giudici si riservano
  39. Appalti truccati, è il giorno del Riesame
  40. Sei e sarai per sempre il mio superpapà...
  41. Gabriela Annesi resta in cella
  42. Lanzi tra Porsche, Audi e negozi
  43. Appalti truccati, il 10 l'udienza al Riesame
  44. Appalti truccati, via ai ricorsi al Riesame
  45. Arresti domiciliari a Daniela Chiavarino e a Bilancini
  46. "Nessuna possibilità di aggiudicarsi gli appalti"
  47. "Io non segnalo o sponsorizzo nessuno..."
  48. Santucci nelle carte dell'inchiesta
  49. Appalti truccati, il 12 udienza al Riesame per Santori
  50. "Annesi succube di Lanzi", "Cardoni innocente"
  51. Appalti truccati, otto restano in carcere e tre ai domiciliari
  52. Appalti truccati, corsa delle difese al Riesame
  53. Una cartolina dal lago...
  54. Intercettazioni, le difese annunciano battaglia
  55. Per colpa della "sregolatezza" non sappiamo come andare avanti...
  56. Toh, la pista pedonabile tra gli appalti truccati...
  57. Appalti truccati, spunta una tangente da 40mila euro
  58. "Santori non può inquinare le prove, né ripetere il reato"
  59. Appalti truccati, interrogatorio per Santori & Co.
  60. Non abbiamo ricevuto nulla
  61. Appalti truccati, Cardoni consegna documenti al gip
  62. Appalti truccati, in tre non rispondono
  63. Appalti truccati, gli arrestati davanti al gip
  64. Malore Chiavarino, forestale: Attivate tutte le procedure sanitarie
  65. "Un sistema di corruzione ben oliato"
  66. "Scapigliati ha già chiarito la sua posizione"
  67. Appalti e tangenti, 63 sotto inchiesta
  68. Blitz della forestale, Santori si dimette
  69. Tutto iniziò con cave e tangenti
  70. Rifiuti e appalti, arrestato il sindaco di Graffignano
    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR