--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Montefiascone - Parlano i compagni di scuola sconvolti dalla tragedia - Ieri è stato osservato un minuto di silenzio all'istituto superiore Carlo Alberto Dalla Chiesa frequentato dalla ragazza di 16 anni morta in casa sabato scorso

“Strano che in ospedale non si siano accorti che Aurora stava male…”

di Daniele Camilli

Condividi la notizia:

Montefiasione - Istituto Dalla Chiesa - Lo striscione della Viterbo ultras in ricordo di Aurora Grazini

Montefiascone – Istituto Dalla Chiesa – Lo striscione della Viterbo ultras in ricordo di Aurora Grazini

Aurora Grazini

Aurora Grazini

Montefiascone - La casa di Aurora Grazini

Montefiascone – La casa di Aurora Grazini

Montefiascone – Un minuto di silenzio per ricordare Aurora Grazini, la ragazza di 16 anni mortaio casa la mattina di sabato scorso in una villetta di via Fiordini a Montefiascone.

Un minuto di silenzio, alla prima ora, appena suonata la campanella. Nella scuola che Aurora Grazini frequentava. L’istituto superiore Carlo Alberto Dalla Chiesa, dedicato al generale dei carabinieri ucciso a Palermo dalla mafia il 3 settembre 1982. 

Una morte improvvisa, che ha scosso gli studenti della scuola frequentata dalla ragazza. Studenti responsabili, anche loro in attesa dei risultati dell’autopsia, prevista per oggi. Per capire anche loro che cosa possa essere successo a cavallo tra venerdì, quando Aurora è stata portata all’ospedale dai familiari e subito dopo dimessa, e sabato, giorno della tragedia.

“Farsi un’idea in questi casi è sempre molto difficile – dice Lorenzo -. Aspettiamo anche noi l’esame autoptico per vedere cosa le è successo. Nel frattempo abbiamo fatto un minuto di silenzio e messo uno striscione in suo ricordo fuori dalla scuola”.

“Aurora vola in cielo – sta scritto sullo striscione all’esterno – e riposa in pace”. A firmarlo, “la Viterbo Ultras”.

L’istituto si trova in via Aldo Moro, in quella parte di periferia a Montefiascone che guarda verso Bolsena. Lì attorno bar, zone residenziali e le fermate degli autobus che ogni giorno portano i ragazzi a scuola venendoseli poi a riprendere quando escono, attorno alle 13, 13,30. Poco distante la stazione dei carabinieri.

“L’ospedale ha fatto quello che poteva – confida Martina, anch’essa una studentessa della scuola – ma mi sa strano che non se ne siano accorti. Che al Belcolle non si siano accorti che stava male. Purtroppo è andata come è andata”.

“Siamo sconvolti e dispiaciuti – aggiunge Ilaria – Però a sedici anni non si può fare questa fine. Non si può morire così giovani”.

L’istituto Dalla Chiesa conta oggi 960 studenti. Una scuola d’eccellenza, un punto di riferimento per tutta la Tuscia. Più volte premiata e altrettante volte classificata tra le migliori scuole della provincia dal rapporto che pubblica ogni anno la Fondazione Agnelli. Cinque gli indirizzi proposti agli studenti. I licei classico, linguistico e scientifico. E gli istituti tecnico economico e tecnico tecnologico. Di questi ultimi due, il primo è articolato in amministrazione, finanza e marketing. Il secondo, ambiente, costruzioni e territorio.

Nel Ptof 2019-2022, il Piano triennale offerta formativa della scuola, pubblicato on line, si legge: “Risulta che il contesto, nel quale opera l’Istituto è caratterizzato da un indice Escs medio-alto, i gruppi sociali sono piuttosto omogenei, sono scarsi i fenomeni di ostilità o devianza, e il tenore di vita è generalmente buono”.

L’acronimo Escs non è altro che la denominazione internazionale dell’indicatore dello status socio, economico e culturale degli studenti. Un indicatore che tiene conto di tre fattori. Il lavoro dei genitori, il livello di istruzione degli stessi e il possesso da parte degli studenti di alcuni specifici beni materiali, vale a dire l’esistenza o meno di un contesto economico e culturale favorevole all’apprendimento.

Tuttavia, “si registra – prosegue il Ptof della scuola che frequentava Aurora – una differenza fra i due indirizzi dell’Istituto, con prevalenza di alte richieste di performance avanzate dalle famiglie degli studenti dei licei, mentre il livello di attesa in ragione del successo scolastico degli studenti iscritti ai tecnici è mediamente più basso. In generale si registrano relazioni di fiducia e di collaborazione sia con le famiglie sia con le altre agenzie ed enti del territorio. Le famiglie, in particolare, partecipano alla definizione e sostengono il progetto formativo della scuola, anche mediante contributi volontari significativi”.

“Abbiamo un po’ tutti delle perplessità – conclude un altro studente, in attesa del bus che lo riporterà a casa -, e questo in merito alla scelta dell’ospedale di farla ritornare a casa. Poi abbiamo saputo che s’era lasciata con il ragazzo e questa cosa l’aveva resa triste, un po’ depressa. Anche i genitori pare che non ne sapessero niente del fatto che si fossero lasciati. Resta comunque un dramma inaspettato. Perché dalle nostre parti queste cose di solito non si sentono. E non succedono”.

Daniele Camilli


Fotocronaca: Borgo Trapé – I carabinieri tornano a casa di Aurora Grazini – Giovane morta in casa

Articoli: I vicini: “Non si può mandare a casa una ragazza di 16 anni e poi la notte muore”  – Una professoressa: “Aurora amava la storia e la letteratura…” – Morte di Aurora, nessun esame tossicologico disposto dalla procura – La famiglia: “Lotteremo con tutte le nostre forze per Aurora…” – Il parroco: “Ho potuto solo piangere con i genitori della piccola Aurora…” – La scuola: “Il tuo sorriso e la tua allegria, la tua bellezza e la tua simpatia illumineranno la nostra strada”  – Il sindaco Massimo Paolini: “Appena mi hanno avvisato mi si è gelato il sangue”  –  Procura e carabinieri: “La giovane morta per arresto cardiorespiratorio” – La Asl: “La ragazza non aveva nessun problema fisico”  –  Sedicenne morta in casa, si indaga per omicidio colposo  – L’assessore regionale alla Sanità: “Ragazza morta, verifiche in corso sulle procedure cliniche”  –  Sedicenne morta in casa


Condividi la notizia:
18 febbraio, 2020

16enne morta in casa ... Gli articoli

  1. "Dal pronto soccorso nessuno deve uscire senza conoscere le sue condizioni reali di salute"
  2. Morte di Aurora, il ministero valuta possibili responsabilità di Belcolle
  3. "Angelini è un medico disponibile, gentile ed esperto"
  4. "Vogliamo giustizia, non vendetta"
  5. "No ai processi sommari, che espongono i medici all'attacco mediatico..."
  6. "Ce lo siamo giurati, non ti scorderemo mai"
  7. Sedicenne morta, documenti e testimonianze hanno portato all'avviso di garanzia per il primario Angelini
  8. Sedicenne morta, indagato il primario del pronto soccorso Daniele Angelini
  9. Sedicenne morta, avviso di garanzia a un medico di Belcolle
  10. Sedicenne morta in casa, in corso l’autopsia
  11. “Ma quale crisi di pianto? Aurora non respirava...”
  12. "Quando è arrivata al pronto soccorso Aurora aveva dolori al petto e problemi respiratori"
  13. "Hanno mandato via Aurora senza una tac, una radiografia, un esame del sangue”
  14. "Mi hanno ammazzato Aurora. Le hanno dato delle gocce e l'hanno rimandata via"
  15. "Aurora amava la storia e la letteratura..."
  16. "Non si può mandare a casa una ragazza di 16 anni e poi la notte muore"
  17. Morte di Aurora, nessun esame tossicologico disposto dalla procura
  18. "Lotteremo con tutte le nostre forze per Aurora..."
  19. "Ho potuto solo piangere con i genitori della piccola Aurora..."
  20. "Appena mi hanno avvisato mi si è gelato il sangue"
  21. "Il tuo sorriso e la tua allegria, la tua bellezza e la tua simpatia illumineranno la nostra strada"
  22. "La giovane morta per arresto cardiorespiratorio"
  23. La Asl: "La ragazza non aveva nessun problema fisico"
  24. Diciassettenne morta in casa, si indaga per omicidio colposo
  25. "Ragazza morta, verifiche in corso sugli accertamenti clinici"
  26. Diciassettenne morta in casa

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR